Commenta

Che fine ha fatto la mostra
su Campi e natura morta?
J'accuse di Ceraso

Dov'è finita la programmata mostra su "Vincenzo Campi e la nascita della natura morta", annunciata un anno fa come evento clou? Annunciata un anno fa, non compare più nell'elenco illustrato dal sindaco in sala Puerari.

Una settimana fa, la presentazione in sala Puerari della programmazione culturale per il 2016 del Comune di Cremona, da parte del sindaco Galimberti e dell’assessore Barbara Manfredini.  Oggi, la replica a distanza e l’annuncio di una prossima interrogazione da parte di Maria Vittoria Ceraso, consigliere di Obiettivo Cremona, che sull’annunciata mostra “Vincenzo Campi e la nascita della natura morta” aveva già chiesto conto al sindaco in Consiglio lo scorso febbraio. Nella programmazione culturale presentata dal sindaco, la mostra non compare più nonostante fosse stato dipinto come l’evento di maggiore richiamo dell’annata. “Entrata lo scorso anno – afferma Ceraso –  nel programma di Cremona per Expo sui media nazionali, in realtà non è stata mai allestita.
“Ad una nostra precedente interrogazione in merito, a febbraio 2015, in cui chiedevamo perché questa mostra fosse finita sotto l’uscio, il Sindaco rispose di stare tranquilli: sarebbe stata presentata in ottobre (il mese scorso) e allestita tra novembre 2015 e febbraio 2016. Ebbene? siamo a novembre, ma della mostra non si sa niente. È il primo caso di natura morta scomparsa. Eppure l’evento continua da mesi e mesi a comparire qua e là sul web, generando l’effetto imbarazzante di un’informazione fuorviante: la cosa peggiore agli occhi di un turista.
“L’evento, presentato –si disse- da Vienna a Cincinnati, sarebbe stato lanciato dal ritorno dell’Arcimboldo dall’Expo a Cremona. Macché. Un altro falso allarme. Non che la mostra sui Campi fosse un appuntamento imprescindibile, per carità, ma il punto è che era stata presentata dal Sindaco come “la prima mostra dopo tanti anni di assenza di esposizioni”, la luce dopo le tenebre, insomma. Come inizio non c’è male. Ma soprattutto, e adesso chi glielo dice a Cincinnati?”.

g.b.

© Riproduzione riservata
Commenti