Commenta

Bordo: 'Sinistra italiana,
lavoriamo per casa comune
della Sinistra del Paese'

Sabato mattina era a Roma al Teatro Quirino “per partecipare all’assemblea di fondazione dei nuovi gruppi parlamentari alla Camera e al Senato di Sinistra italiana, il primo passo concreto verso la creazione del nuovo soggetto politico nato dalla convergenza in gruppi parlamentari unici dei deputati e Senatori di Sinistra Ecologia Libertà e quelli che hanno deciso di lasciare il gruppo del Pd trovandosi in una situazione di incompatibilità e totale non condivisione delle scelte fatte dal Governo Renzi, tanto pieno di annunci quanto privo di reali politiche alternative a quelle volute dal liberismo e dall’austerity”. Così Franco Bordo, parlamentare di Sel della provincia di Cremona, racconta la nascita di Sinistra italiana.

“Come parlamentare di Sel, assieme ai miei colleghi – aggiunge – mi unirò agli altri parlamentari di Sinistra, da Fassina a D’Attorre per costruire una casa comune della Sinistra, che sappia mettere in campo un progetto di governo alternativo a quello proposto da Renzi nel quale si possano riconoscere tutti i cittadini che non sono disponibili ad assistere inerti alla demolizione dei diritti sociali, che credono in uno sviluppo economico ambientalmente sostenibile, che sappia rimettere al centro la qualità della vita delle persone e il loro diritto alla felicità. Una sinistra che pone al centro l’uguaglianza delle persone e la ricostruzione di quei legami civili e sociali profondamente compromessi dalla crisi economica”.

“Con Sinistra italiana – sottolinea Bordo – nasce uno spazio politico aperto e a disposizione di tutti coloro che vogliono costruire una società migliore e più giusta, io ci sono e continuerò ad esserci, assieme alle tante persone che in questo nuovo spazio politico vorranno portare il proprio impegno e la propria voglia di cambiare l’Italia e l’Europa, il prossimo passo sarà a Gennaio per l’assemblea nazionale che darà l’avvio alla costruzione in tutto il paese del nuovo soggetto”.

© Riproduzione riservata
Commenti