Commenta

Il Biciplan avanza: ecco i 16 tragitti
per collegare le periferie al centro

Ecco i 16 tragitti a raggiera ipotizzati da Ufficio mobilità del Comune. In parte ricalcano piste già esistenti ma da completare o migliorare; in parte ipotizzano tracciati ex novo. Ad esempio quello tra Bagnara - Battaglione e centro storico; o quello tra Cremona Solidale (via Brescia) e piazza Libertà: qui si è cominciato col 'famoso' sottopasso.

AGGIORNAMENTO – Pubblicate da oggi sul sito del Comune  all’indirizzo https://www.comune.cremona.it/node/456882 le schede dei 16 percorsi radiali individuati dal Biciplan (Piano per la ciclabilità cittadina) redatto durante l’anno 2015. Le schede sono delle bozze in quanto saranno integrate con le  eventuali osservazioni che i cittadini possono presentare fino al 22 novembre prossimo utilizzando la mail biciplan@comune.cremona.it.

“Lo scopo del lavoro effettuato – dichiarano Filippo Bonali, consigliere comunale incaricato del coordinamento del Biciplan e Alessia Manfredini assessore alla Salute e al Territorio – è stato quello di individuare i percorsi maggiormente utilizzati e allo stesso tempo appetibili per i ciclisti, in modo da incentivare l’uso della bicicletta negli spostamenti quotidiani casa-lavoro, casa-scuola, casa-tempo libero. I 16 percorsi radiali transitano su strade già ampiamente sfruttate dalle automobili in quanto sono le più dirette. Le schede indagano gli eventuali problemi dell’inserimento di una pista ciclabile, analizzando gli spazi disponibili e le possibili alternative di posizionamento. i percorsi 17 e 18 sono stati solo tratteggiati in quanto fortemente intrecciati con future decisioni che riguardano l’intera mobilità cittadina”.

“Molti altri percorsi secondari si sarebbero potuti tracciare – aggiungono Bonali e Manfredini – ma lo scopo è stato quello di identificare e concentrare gli sforzi su questi assi principali e fondamentali per lo sviluppo della mobilità sostenibile. Tutti le altre connessioni saranno più facili da progettare e realizzare in quanto su strade secondarie. Stiamo cercando di immaginare il fusto di un albero senza il quale non si possono disegnare i rami. Ringraziamo sin da ora tutti i cittadini che vorranno dare un fattivo contributo con le loro idee e pareri per realizzare al meglio la mobilità sostenibile della nostra città.”

LA PRESENTAZIONE IN COMMISSIONE AMBIENTE – 16 piste ciclabili, che partendo dalla periferia convergono a raggiera in centro storico. Alcune già esistenti ma da riqualificare,  altre realizzate solo in parte, altre da costruire ex novo. La bozza di Biciplan del Comune, presentata in commissione Ambiente, incassa il plauso di Piercarlo Bertolotti, presidente Fiab Cremona: “E’ un inizio, più di così, con le forze attuali del Comune non si poteva fare. Non si tratta ancora di progetti veri e propri, la cui realizzazione dipenderà dai finanziamenti che il Comune riuscirà ad ottenere, ma anche dagli altri interventi previsti nel piano della Mobilità. L’importante però è che si inizi a cambiare la mentalità e a garantire pari diritti a tutti: automobilisti, ciclisti e pedoni. I cittadini devono essere liberi di scegliere come muoversi in città”.

Mancano dallo schema i due percorsi circolari lungo la cerchia esterna (vecchie mura) per mettere in sicurezza la mobilità su due ruote. Qui ragionare di ciclabili è un po’ più complicato, come ha dimostrato il rifacimento dei viali Trento e Trieste e via Dante, dove a dispetto delle ampie dimensioni stradali, la ciclabile è rimasta incompiuta e pericolosa. Altra zona rossa della città è la parte sud, ovvero via Giordano, dove la viabilità è al momento oggetto di revisione dal Comune che ha definitivamente archiviato la strada sud.

Ecco le direttrici individuate nel Biciplan:

1 Pista Vento (Lungopo-Argine). Itinerario parallelo al fiume Po che attraversa da ovest a sud-est tutto il territorio comunale e facente parte della dorsale “VenTo VEnezia-TOrino”. Percorre parte di Via Riglio e del LungoPo Europa su piste ciclo pedonali esistenti situate in gran parte sugli argini del fiume. La pista è, in parte, ancora da realizzare.

2 Cavatigozzi – Via Milano – via Ghinaglia. Itinerario radiale che collega Piazza Risorgimento con la zona periferica ovest di Cremona nei pressi del Quartiere Cavatigozzi passando per via Ghinaglia e via Milano. L’itinerario è in piccola parte esistente e in parte già progettato e pronto per essere realizzato. Vanno migliorate o create le connessioni con le altre piste 3 e 16.

3 Picenengo – Via Sesto – Via Milano. L’itinerario principale è radiale e collega il quartiere di Picenengo e relativa zona industriale e il quartiere di via Sesto con il centro città, inoltre offre l’opportunità di prolungamenti verso Casanova del Morbasco e Costa S.Abramo e un passaggio verso Cavatigozzi tramite sottopasso ferroviario. La maggior parte dell’intervento è da realizzare.

4 Cambonino-Castelverde. Itinerario radiale che collega il quartiere Cambonino con la zona periferica di Cremona lungo Via Castelverde e con il centro tramite la pista n. 5. Sono mancanti alcuni tratti iniziali nel quartiere Cambonino per poter completarne la continuità di percorso.

5 Migliaro – Via Bergamo – P.zza Risorgimento. Itinerario radiale che collega Piazza Risorgimento e la frazione di Migliaro tramite il sottopasso di via Fabio Filzi, via S.Francesco d’Assisi e via Bergamo. Circa metà è ancora da realizzare.

6 Boschetto. Itinerario radiale che collega il centro cittadino con il quartiere Boschetto partendo da via Dante e passando sul cavalcavia ferroviario e poi a lato del cimitero. Buona parte è ancora da realizzare.

7 Via Brescia – Piazza della Libertà. Itinerario radiale che collega il centro cittadino con la zona periferica di Cremona limitrofa a Via Brescia compreso l’Ospizio Soldi. L’itinerario ancora non esiste, tranne il piccolo tratto di ciclabile del sottopasso di via Brescia.

8 Maristella – Via Persico. Itinerario radiale che collega il centro cittadino, inizialmente tramite la pista n. 07 (Via Brescia), con la zona periferica di Cremona attraversando il Quartiere Maristella fino al confine comunale. La pista è già quasi tutta completata.

9 Via Mantova – Zaist. Il percorso radiale collega il limite del centro storico da Piazza Libertà al quartiere residenziale Zaist. Un’altra diramazione collegherà via Mantova con via Postumia, passando da via Corte. La pista attualmente è realizzata solo in parte.

10 S.Savino – S.Felice – Via Postumia. Itinerario radiale che collega il centro cittadino con la zona periferica di Cremona raggiungendo il Quartiere San Felice e San Savino. Di questo è stata realizzata circa la metà.

11 Via Giuseppina – Ospedale – Bagnara. Itinerario radiale che collega il centro cittadino con i quartieri di Battaglione e Bagnara passando davanti all’Ospedale Maggiore e prosegue fino al confine col comune di Bonemerse. La pista è quasi tutta da realizzare.

12 Bagnara – Via San Rocco – Porta Romana. Itinerario radiale che collega il centro cittadino con la zona periferica di Cremona fino al Quartiere Battaglione, passando da via San Rocco. L’itinerario è già completato circa per metà.

13 Bosco Ex Parmigiano. Itinerario radiale che collega il centro cittadino con la zona periferica di Cremona con la Località Bosco Ex Parmigiano (frazione di Gerre de Caprioli). La pista è già esistente, va solo completata in alcuni tratti.

14 Via del Sale – Colonie Padane. Itinerario radiale che collega il centro cittadino con la zona periferica di Cremona passando a sud del Quartiere Po lungo via del Sale, permettendo di raggiungere gli impianti sportivi comunali, il parco al Po, la struttura ex Colonie Padane e il campeggio. Buona parte della pista, tranne alcuni tratti, è ancora da realizzare.

15 Piazza Cadorna – Viale Po – Ponte. Itinerario radiale che collega il centro cittadino con la zona periferica di Cremona tramite viale Po fino al ponte sul fiume. Si tratta di una pista già esistente e ben nota, ma che va riqualificata e completata in alcuni tratti.

16 Via Trebbia -zona Canottieri. Itinerario a 3 direzioni che parte da via Trebbia e collega il centro cittadino con la zona periferica di Cremona attraversando la parte nord del Quartiere Po, permettendo di raggiungere le società sportive in riva al fiume. Nei pressi della raffineria si innesta un percorso proveniente da nord che permette ai quartieri di nord ovest di non dover transitare dal centro città per accedere al fiume. La pista è per la maggior parte da realizzare.

mappa biciplan - dentro

SCARICA LA MAPPA

© Riproduzione riservata
Commenti