Commenta

Truffe agli anziani, massima
allerta: le raccomandazioni
dei carabinieri

Torna l’allerta sulle truffe agli anziani, che purtroppo si verificano sempre più frequentemente, anche nel nostro territorio, così come a livello nazionale. A lanciare un monito sono i carabinieri di Cremona, che in particolare richiamano l’attenzione su un tipo di truffa ben specifico, in cui le vittime sono soprattutto anziani che vivono soli in casa. “In questa particolare tipologia di truffa”, ha spiegato il maggiore Livio Propato, del comando dei carabinieri di Cremona, “le vittime vengono raggirate da persone che, telefonando sull’utenza fissa del malcapitato, avvertono di un incidente stradale accaduto ad un parente, simulando di essere l’avvocato che lo segue, il quale richiede, per risolvere la pratica al meglio, denaro in contante”. Solitamente la richiesta è una cifra intorno ai 3.000 euro. “La vittima,  sapientemente raggirata, per timore di peggiori conseguenze per il figlio o nipote, racimola quello che ha in casa e lo consegna alla persona che si finge incaricato dall’avvocato che di seguito sparisce”, ha aggiunto il maggiore. “Si tratta di un reato particolarmente odioso, per il quale è importante fare la massima attenzione”.

A questo proposito la raccomandazione va soprattutto a chi ha genitori anziani che vivono soli, e che devono essere istruiti per non cadere nella truffa. “E’ opportuno che la popolazione ricordi di prestare la massima attenzione qualora si venga contattati telefonicamente per tali situazioni soprattutto in relazione al fatto che nessuna controversia si risolve mediante consegna di denaro porta a porta. In questi casi va riattaccata la conversazione ed avvisato subito il 112 per le verifiche del caso, oppure far intervenire un vicino di casa o parente, senza aprire a sconosciuti”.

© Riproduzione riservata
Commenti