Un commento

Colletta alimentare,
raccolte 50 tonnellate di cibo
per i poveri della città

Anche quest’anno la Colletta Alimentare si è rivelata un successo. con 50 tonnellate di alimenti raccolti negli oltre 50 supermercati del territorio che hanno aderito all’iniziativa, promossa dal Banco alimentare della Cdo, dalla Società di San Vincenzo de Paoli e dall’Associazione Nazionale Alpini. A livello nazionale la raccolta ha fruttato 8.990 tonnellate di cibo. “Nonostante abbiamo notato meno gente a fare la spesa, forse a causa anche della concomitante Festa del Torrone, abbiamo raccolto lo stesso quantitativo dello scorso anno: ben 50 tonnellate di generi alimentari a lunga scadenza” ha detto il coordinatore cremonese Lorenzo Ronchini.

Per lo stoccaggio degli alimenti il Banco Alimentare ha potuto contare su un magazzino di via Mantova offerto per due mesi dai signori Ferraroni e Bernuzzi. La distribuzione degli alimenti donati verrà fatta entro metà gennaio e sarà indirizzata a circa 30 enti caritativi del territorio che si occupano della povertà, tra cui spiccano la Caritas diocesana, le Cucine Benefiche, tutte le conferenze parrocchiali della San Vincenzo, la Casa Famiglia Sant’Omobono, e la coop. La Zolla. E’ ancora possibile sostenere il Banco Alimentare inviando un sms o chiamando da rete fissa il 45502 fino a domenica 6 dicembre.

LaBos

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti
  • Sergio Martoni

    Facciamo un po’ di conti? I supermercati hanno venduto 50 tonnellate di alimenti in piu’. Lo stato ha guadagnato l’IVA su tutto l’importo pagato. Gran parte di quegli alimenti andranno in malora e non verranno distribuiti. Hanno ingaggiato dei ragazzini (minorenni) che stazionavano dentro i supermercati per stimolare la gente a comprare. Tutto questo per metterci a posto la coscienza e portare qualche pacchetto di pasta a casa di qualche anziano? E se invece dessimo delle pensioni decenti e dei sussidi di disoccupazione veri? Che permettano alle persone di vivere dignitosamente senza dover ringraziare i “generosi donatori”?