Un commento

Smog: blocco diesel euro3
e due giorni di bus gratis

Martedi 22 e mercoledi 23 dicembre mezzi pubblici gratuiti sul territorio comunale. Entrano in vigore provvedimenti restrittivi sul traffico: in garage i diesel euro 3 senza filtro antiparticolato. Riscaldamento entro i 19 gradi. Ma chi controllerà il rispetto delle regole?

Verrà firmata domani mattina dal sindaco l’ordinanza che impone ulteriori limitazioni alla circolazione visto il perdurare degli alti livelli di inquinamento. Alle limitazioni già previste dalla normativa regionale, si aggiungerà il fermo degli automezzi diesel euro 3 (senza filtro antiparticolato) destinate al trasporto delle persone, la riduzione da 14 a 12 ore al massimo del funzionamento degli impianti termici di riscaldamento e con la temperatura ridotta di un grado (passando da 20 a 19), oltre che il divieto di uso di dispositivi che, al fine di favorire l’ingresso del pubblico consentono di mantenere aperti gli accessi verso i locali interni di edifici appartenenti alla categoria E5, con conseguente obbligo di mantenere chiuse le porte di accesso ai locali medesimi.
Come nel provvedimento regionale il fermo dei mezzi è dal lunedì al venerdì (con esclusione delle festività infrasettimanali) dalle ore 7,30 alle ore 19,30.
Grazie alla collaborazione di KM S.p.A. e del Gruppo Arriva, il Comune ha raggiunto un accordo che, in via straordinaria, consente per i giorni martedì 22 e mercoledì 23 agli utenti di non pagare il biglietto, non solo in città, ma anche sulle tratte di collegamento dai comuni limitrofi a Cremona, rientrando nel trasporto pubblico urbano. Una ulteriore occasione per lasciare a casa l’automobile ed utilizzare il mezzo pubblico, in particolare sui tragitti casa-lavoro e casa-scuola e contribuire alla riduzione dell’immissione di inquinanti nell’aria.

MA PER I COMUNI DEL CIRCONDARIO, PROVVEDIMENTO QUASI INUTILE – L’ordinanza antismog, condivisa dal comune di Cremona con i sindaci della cerchia, potrebbe essere un buon esempio di azione di Area vasta. Ma è più probabilmente un provvedimento in stile grida manzoniane, almeno per quanto riguarda i controlli sul traffico veicolare.  Togliere i diesel euro 3 dalle strade potrebbe anche essere fattibile nel centro storico di Cremona, ma è praticamente impossibile nei comuni limitrofi, percorsi da una rete di strade provinciali percorse da ogni genere di veicolo. E soprattutto con controlli impossibili. Se già  l’area urbana di Cremona è difficilmente controllabile, figuriamoci in località dove opera un vigile ogni due o tre municipi, per chilometri e chilometri di strade. Persico Dosimo e Gadesco Pieve Delmona, ad esempio, condividono l’unico agente a disposizione. Ipotizzare di impiegarlo sui controlli dei veicoli è impensabile. “Le intenzioni del comune di Cremona sono comprensibili –  spiega Fabrizio Superti, sindaco di Persico Dosimo – ma dubito fortemente che nei comuni limitrofi si riuscirà a metterle in pratica. Emanare ordinanze di blocco del traffico sulle nostre strade, in gran parte provinciali, appare problematico anche e soprattutto per le reali possibilità di farle rispettare. E poi, con un’autostrada che attraversa il nostro territorio comunale, mi sentirei un po’ in difficoltà ad impedire ai nostri residenti di utilizzare l’automobile”.

Quello che servirebbe se davvero si volesse agire sullo smog da traffico sarebbe un provvedimento almeno di valenza provinciale. Ma la Provincia non ha competenze sulla materia, avendo solo la manutenzione della rete stradale.  L’unica volta che si agì su vasta scala chiudendo il traffico fu per disposizione della regione Lombardia sotto la presidenza Formigoni alcuni anni fa.

Intanto ieri, domenica 20 dicembre, sono stati raggiunti 10 giorni di superamento delle pm10 alla centralina di via Fatebenefratelli. Il giorno peggiore è stato il 16 dicembre, con 103 microgrammi al metro cubo. Ieri invece l’inquinamento è andato leggermente calando (64), ma sempre sopra il limite massimo di 50 come media giornaliera. Peggiori sono i dati rilevati in piazza Cadorna: 79 microgrammi il 20 dicembre; 107 nella giornata ‘nera’ del 16 dicembre.

10 GIORNI DI POLVERI SOTTILI ALLA CENTRALINA DI VIA FATEBENEFRATELLI

smog dieci giorni - dentr

g.biagi

© Riproduzione riservata
Commenti
  • paolo

    i soliti provveddimenti Italici che fannio ridere i polli siamo alle coliche finali pardon comiche finali