Commenta

'Impegno sulla prevenzione
per garantire sicurezza'
Il bilancio del questore

BonaccorsoObiettivo prevenzione per combattere i reati: è quanto sottolineato mercoledì mattina dal questore Gaetano Bonaccorso durante un incontro con la stampa prima delle festività natalizie, alla presenza di funzionari e personale della polizia. Bonaccorso ha parlato dei suoi primi mesi a Cremona: “Ho trovato collaboratori capaci. Parlo di tutti i collaboratori e di chi mi sta a fianco, colleghi funzionari e sostituti commissari, qui c’è una piccola rappresentanza del già esiguo totale. Particolarità della Questura di Cremona è avere a livelli apicali persone di grande esperienza e capacità, in grado di sostituire i livelli direttivi e dirigenziali che occasionalmente mancano. Questa è una grande fortuna. Perché magari hai soltanto quattro direttivi ma hai anche altri quattro sostituti commissari in grado di fare i direttivi. Grande merito a loro, che fanno un grande lavoro. Un lavoro che talvolta non si coglie”. “E’ stato un anno complicato, che ha richiesto anche un lavoro di anticipazione, di prevenzione, di strategie e il risultato è che nulla è accaduto – ha aggiunto -. Questo è un lavoro che non si coglie, non viene fuori, non emerge, ma è estremamente importante e molto faticoso, talvolta più faticoso di un arresto e di ciò che normalmente si vede”.

“Molto impegno sul piano preventivo, abbiamo cercato di attivare tutte le potenzialità della Questura”

“Sono qui da settembre – ha proseguito il questore -. Direi che l’impressione che ho avuto dai risultati sul campo conferma ciò che avevo preventivato: è una realtà nella quale i reati predatori e la microcriminalità, in particolare le aggressioni al patrimonio, sono i più diffusi e certamente quelli da contrastare con più decisione. Il bilancio di questi quattro mesi è positivo, ottenuti ottimi risultati. Ci siamo proiettati sul piano preventivo, perché si può fare molto. Abbiamo cercato di attivare tutte le articolazioni della Questura e tutte le sue potenzialità, che vanno ben al di là della possibilità di procedere agli arresti. Mi riferisco a interventi amministrativi, attraverso l’ufficio immigrazione, attraverso la divisione polizia anticrimine, con gli strumenti delle misure di prevenzione. I risultati, dalle nostre analisi statistiche periodiche, ci danno indicatori sicuramente positivi”.

© Riproduzione riservata
Commenti