Commenta

Scuola Trento e Trieste,
pianificati dal Comune
i prossimi interventi

Il sopralluogo alla scuola Trento e Trieste

Una verifica dei lavori compiuti e degli interventi che devono essere eseguiti nei prossimi mesi: questo lo scopo del sopralluogo che, nei giorni scorsi, la vice sindaco Maura Ruggeri, l’assessore al Territorio e alla Salute Alessia Manfredini e il consigliere comunale Santo Canale – presidente della Commissione consiliare Sviluppo e Istruzione – hanno fatto alla scuola primaria Trento e Trieste. Con loro Silvia Toninelli, dirigente del Settore Politiche Educative, Ruggero Carletti, direttore del Settore Urbanistica e Rigenerazione Urbana, e Giovanni Donadio, responsabile del Servizio Progettazione – Direzione Lavori, Manutenzioni Edilizia Scolastica. Un’occasione di confronto con i rappresentanti degli insegnanti sulle criticità che loro stessi, oltre ai genitori, avevano segnalato e comunque già all’attenzione dei competenti uffici comunali.

L’edificio che ospita la scuola primaria Trento Trieste è stato costruito nei primi anni del ‘900 ed è inserito tra le priorità del programma di manutenzioni che riguardano l’edilizia scolastica che l’Amministrazione intende realizzare nel corso del mandato. Già quest’anno sono stati effettuati il monitoraggio e la messa in sicurezza dei soffitti, in particolare quelli dello scalone principale, ma sono in programma altri interventi che riguardano sia il corpo principale dell’edificio che la parte che ospita la palestra.

In particolare, per quanto riguarda il corpo principale vi è la necessità di realizzare un ascensore per i collegamenti tra piani, un bagno per i diversamente abili, intervenire sui bagni in modo da riservarne una parte per i maschi e una per le femmine, nonché sostituirne alcune porte, dotare infine gli antibagni di ulteriori lavelli e acqua calda. Per la struttura che ospita la palestra sono necessari interventi di riqualificazione generale, sugli spogliatoi ed altri per eliminare le infiltrazioni.

Anche a seguito della valutazione fatta nel corso del sopralluogo, entro il 2016 si potrà risolvere il problema dell’ascensore realizzando il nuovo vano corsa e l’impianto, così pure un bagno al piano terra per i diversamente abili. Sempre entro il 2016 gli antibagni saranno dotati di ulteriori lavelli e acqua calda e saranno sistemate alcune porte. Per motivi di carattere tecnico  strettamente connessi alla struttura dell’edificio non sono invece possibili altre opere negli ambienti riservati ai servizi igienici.

La palestra e gli spazi accessori richiedono un intervento rilevante che sarà valutato anche in base ai contributi del Ministero dell’Istruzione, che dovrebbero arrivare nei primi mesi del 2016, e che l’Amministrazione comunale ha deciso di destinare a questa opera di riqualificazione. Per il corpo spogliatoio è in corso il progetto di rifacimento della copertura, già finanziato, che sarà attuato nel primo trimestre 2016.

© Riproduzione riservata
Commenti