Commenta

Cartellone di prestigio per
'La Danza 2016'. Dall'8 gennaio
vendita degli abbonamenti

Un momento dello spettacolo Pixel

Al via da venerdì 8 gennaio la vendita degli abbonamenti per la stagione di Danza 2016 del Teatro Ponchielli. Gli abbonati 2015 potranno, a questo proposito, esercitare il diritto di prelazione al posto, ritirando i nuovi abbonamenti alla biglietteria del Teatro. Sempre dalla stessa data sarà anche possibile sottoscrivere i nuovi abbonamenti, mentre i biglietti per i singoli balletti andranno in vendita da sabato 16 gennaio.

La stagione 2016 prevede un cartellone di prestigio, che ospiterà dalle più importanti compagnie italiane ai grandi interpreti internazionali con prime italiane, ma non mancheranno anche i nuovi talenti e  compagnie emergenti. Ad aprire la stagione, venerdi 5 febbraio (ore 20.30) toccherà alla compagnia Zappalà Danza, con la piéce teatrale ‘La nona (dal caos, al corpo)’. È sempre a partire dal corpo e dalle sue “storie” che Zappalà propone una riflessione sull’uomo e sull’umanità; sulla sua condizione di perenne conflitto e sulle speranze di solidarietà e fratellanza universale.

Venerdi 19 febbraio toccherà invece alla compagnia Naturalis Labor in ‘Romeo Y Julieta Tango’, che porta in scena il dramma shakespeariano, il dualismo maschile/femminile, lo scontro tra le due famiglie Capuleti e Montecchi e lo racconta attraverso il linguaggio della danza e del tango.

Appuntamento successivo, mercoledi 2 marzo, con la storica danzatrice del Tanztheater Wuppertal Cristiana Morganti e il suo spettacolo ‘Jessica and me’, in cui si ferma a riflettere su se stessa: sul rapporto con il proprio corpo e con la danza, sul significato dello stare in scena, sul senso dell’“altro da sè“ che implica il fare teatro.

Sabato 16 marzo salirà sul palco la Mm Contemporary Dance Company, con due spettacoli: il ‘Bolero’, che qui viene raccontato come una non-storia, fantastica ma possibile, comunque pertinente al mondo reale; ‘La metà dell’ombra’, che mette in scena un viaggio ideale e impalpabile nella sacralità.

Sarà Silvia Azzoni, domenica 3 aprile, salirà sul palco insieme ai solisti dell’Hamburg Ballet, in una serata ideata appositamente per il Ponchielli, in cui si metterà in luce la versatilità, le qualità tecniche e soprattutto le uniche personalità che rendono speciale e leggendaria questa compagnia.

Mercoledi 13 aprile Malandain Ballet/Biarrits porterà in scena la celebre opera ‘Cenerentola’. Pur restando fedele alla drammaturgia di Cenerentola e allo spartito di Prokof’ev, Thierry Malandain sviluppa un approccio molto personale al tema della sfortunata fanciulla e del suo riscatto. Cenerentola è il percorso di una stella che danza e Malandain ci porta sulla via della sua realizzazione che passa attraverso il dubbio, l’emarginazione, la sofferenza, la speranza, per raggiungere infine la luce.

Si continua giovedi 21 aprile con il Mark Morris Dance Group, che porterà sul palco alcuni pezzi: ‘Words’, ‘Foursome’, ‘Excursions’, ‘Lenny and Spencer’, ‘Polka’. Il Mark Morris Dance Group è una delle principali compagnie di danza contemporanea americana con sede a New York. Vincitore di numerosi premi internazionali e fondatore del White Oak Dance Project con Mikhail Baryshnikov, Mark Morris torna in Europa con il suo Dance Group (formazione di 20 danzatori) per incantare il pubblico con la raffinatezza delle sue coreografie che prendono vita su musiche rigorosamente eseguite dal vivo dal MMDG Music Ensemble.

Sabato 7 maggio, a chiudere la rassegna, la Ccn Compagnie Kafig porterà in scena ‘Pixel’, sorprendente e poetico incontro fra danza e tecnologia 3D, reale e virtuale come non lo abbiamo mai visto. L’energia e il virtuosismo della danza hip-hop incontrano la bellezza dell’illusione di un mondo virtuale, fatto di sintesi numeriche e immagini elettroniche, liriche e coinvolgenti, che mettono la persona con le sue storie e le sue emozioni al centro di tutto.

© Riproduzione riservata
Commenti