Commenta

Due visite guidate gratuite
per l'ultimo giorno di
'La voglia matta'

Si chiude domani, domenica 10 gennaio, la mostra “La voglia matta”, allestita al Museo del Violino (dalle 10 alle 18, ingresso libero). In programma due visite guidate.
Foto Sessa, nel giorno dell'inaugurazione della mostra

Si chiude domani, domenica 10 gennaio, la mostra “La voglia matta”, allestita al Museo del Violino (dalle 10 alle 18, ingresso libero) che racconta l’attività cinematografica di Ugo Tognazzi attraverso locandine, fotografie e altri documenti originali. E per l’ultimo giorno di apertura sono in programma due visite guidate, una alle 15, l’altra alle 16.30, a cura di Elena Mosconi, professore associato di Storia del cinema presso l’Università di Pavia, curatrice dell’esposizione che è stata promossa dal Comune di Cremona, in collaborazione con l’Archivio Tognazzi Cremona, e realizzata dall’associazione culturale Tapirulan.

La prima sezione rievoca le tappe cruciali della sua ricca filmografia. Si va dai primi film comici degli anni Cinquanta, ai veri e propri ruoli da protagonista del decennio successivo, diretto da registi come Salce, Risi, Pietrangeli, Ferreri, Germi che ne tratteggiano un’immagine di uomo medio, piccolo-borghese.
Nella seconda sezione viene documentata l’attività sul set ad opera di alcuni tra i principali fotografi di scena: le immagini immortalano l’attore in attimi che ne svelano tanto la professionalità quanto il piacere di un lavoro profondamente amato. In altri scatti Ugo Tognazzi rivive inoltre nella dimensione familiare, privata, in quella di cremonese famoso, o ancora di personaggio pubblico.
Conclude il percorso una sezione video con filmati provenienti dalle Teche Rai nelle quali è Tognazzi stesso a parlare della sua professione di attore, dei suoi film e del cinema.

La mostra rientra nell’ambito delle iniziative organizzate per rendere omaggio al grande attore cremonese in occasione del 25° anniversario della scomparsa. Per approfondire la conoscenza, e per non disperdere la memoria del suo illustre concittadino, il Comune di Cremona ha dato vita al ‘Comitato Tognazzi’ – in collaborazione con la famiglia dell’attore – che ha coordinato gli eventi celebrativi, e ad un ‘Archivio Tognazzi’ – con l’Università di Pavia – Dipartimento di Musicologia e Beni Culturali – per la raccolta di materiali e la ricerca sull’attività professionale dell’artista cremonese. Il Comitato Tognazzi continuerà il suo lavoro già dalle prossime settimane per fare il resoconto delle iniziative 2015 e programmare quelle per il 2016.

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti