Economia
Commenta

L'aumento delle attività straniere argina il crollo delle imprese

La crescita del numero di realtà guidate da stranieri argina il calo delle imprese in provincia di Cremona. Tra 2014 e 2015 (preso in esame il terzo trimestre) complessivamente le imprese sono calate dell’1,4% (passate da 27.271 a 26.896). Se si considerano solo quelle guidate da italiani il calo è dell’1,9% (scese da 24.577 a 24.119). In crescita del 3,1% le attività di cittadini stranieri (sono passate da 2.694 a 2.777). Osservando invece il periodo 2011-2015, l’impatto è ancora più sensibile. Le imprese in totale sono calate del 4,8%. Per quelle italiane una diminuzione del 6%. Per quelle straniere un aumento del 7,3%. I risultati emergono dall’ultima elaborazione della Camera di Commercio di Milano, effettuata su dati del registro imprese e resa nota nelle scorse ore.

In Lombardia “tengono in quattro anni le imprese, grazie agli stranieri che hanno creato 16mila imprese in più, +21%. Se fosse per gli imprenditori italiani le imprese sarebbero 30mila in meno, -4,1%. Le imprese straniere contengono il calo a un -1,7%”, si legge nella sintesi dell’elaborazione.

© Riproduzione riservata
Commenti