Commenta

Discriminazioni:
un corso per prevenire
e contrastare il fenomeno

Il Centro Interculturale Mondinsieme in collaborazione con il Centro Locale di Parità, nell’ambito delle attività destinate alla configurazione dello Sportello Antidiscriminazioni, promuove il percorso formativo denominato ‘Discriminazioni: definire, individuare, prevenire, rimuovere’, organizzato con il supporto dell’Associazione Articolo 3 di Mantova – Osservatorio sulle Discriminazioni – ed inserito nel Piano della formazione del Comune di Cremona per l’anno 2016.

“Il corso ha come principale obiettivo quello di formare gli operatori a contatto con il pubblico sui possibili fattori di discriminazione (etnico-razziale, disabilità, orientamento sessuale, genere), fornendo strumenti per prevenire e contrastare stereotipi e pregiudizi, così da garantire parità di accesso ai servizi dell’Ente e rimuovere le discriminazioni di cui sono vittime tante cittadine e cittadini sul territorio” evidenziano gli organizzatori.

Il corso si articola in sei incontri di 4 ore ciascuno (9.30-13.30), con la presenza di esperti nei diversi argomenti trattati, e prenderà il via giovedì 21 gennaio, in Sala Zanoni (via del Vecchio Passeggio, 1). Il primo incontro, dal titolo ‘Le origini dei processi discriminatori: stereotipi e pregiudizi’ si avvarrà della presenza dello psicologo Paolo Carrirolo, in qualità di docente, e della partecipazione della Consigliera Provinciale di Parità Carmela Fazzi, che ha concesso il patrocinio all’iniziativa (per gli altri appuntamenti si veda programma allegato).

“La formazione è indirizzata in prevalenza ai dipendenti del Comune di Cremona, ma parteciperanno anche alcuni operatori e referenti di soggetti attivi sul territorio in materia di contrasto alle discriminazioni” spiegano dall’amministrazione. “Le metodologie adottate avranno un’impostazione laboratoriale e partecipativa. Si alterneranno apporti teorici con l’analisi e approfondimento di casi studio in gruppo e con esercitazioni guidate dai relatori”.

L’iniziativa si inserisce nell’ambito del protocollo di intesa tra il Comune di Cremona e l’Associazione Articolo 3 – Osservatorio sulle discriminazioni di Mantova per l’attivazione di azioni di promozione e sensibilizzazione in materia di prevenzione e contrasto di qualsiasi forma di razzismo, xenofobia, omofobia ed ogni altra degenerazione legata alla discriminazione. Il protocollo nasce dal processo di costruzione di una rete regionale e territoriale di punti informativi e antenne Unar  – Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali istituito presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento Pari Opportunità. Il Centro Interculturale “Mondinsieme” è un nodo della rete unitamente  ad altri soggetti del terzo settore che svolgono la funzione di punti informativi.

“Proprio il Rapporto Unar 2013 evidenzia il raddoppio dei numeri dei casi di discriminazione negli ultimi anni: ciò è dovuto essenzialmente al rafforzamento degli strumenti di tutela a livello locale che attraverso gli sforzi di Enti ed Associazioni hanno favorito una maggiore consapevolezza dei diritti e della normativa antidiscriminazione. Nonostante tali sforzi però si evidenzia nello stesso Rapporto come la condizione di vulnerabilità delle persone a rischio di discriminazione induca alla mancata denuncia da parte delle stesse vittime. Il contrasto alle discriminazioni si pone quindi come un problema forte e nello stesso tempo complesso che induce ad assumere un ruolo reattivo da parte delle Amministrazioni pubbliche e delle organizzazioni del Terzo settore con l’obiettivo di contribuire a garantire una reale eguaglianza di trattamento per tutti i soggetti a rischio discriminazioni.

© Riproduzione riservata
Commenti