2 Commenti

Forza Italia, ancora
polemiche. Everet:
'Contestate le votazioni'

Non si placa la polemica in Forza Italia dopo la conferma di Ghidotti alla segreteria cittadina azzurra. Ghidotti succede a se stesso battendo 99 voti a 66 la lista sponsorizzata dal consigliere comunale Giorgio Everet che aveva in Roberto Calvi il suo candidato.

di Simone Bacchetta

Non si placa la polemica in Forza Italia dopo la conferma di Carlalberto Ghidotti alla segreteria cittadina azzurra. Ghidotti succede a se stesso battendo 99 voti a 66 la lista sponsorizzata dal consigliere comunale Giorgio Everet che aveva in Roberto Calvi il suo candidato. Everet, pur riconoscendo la vittoria del vicecapogruppo in consiglio comunale, si toglie qualche sassolino dalla scarpa. “Abbiamo contestato la modalità di predisposizione delle schede – ha detto il leader dei seniores forzisti -. Il coordinatore provinciale Jotta e il suo vice Bertusi ci hanno detto di andare dai probiviri. Ecco, questo organo in Forza Italia non esiste”. E rincara la dose: “Ghidotti dovrebbe cercare l’unità del partito, invece cerca la rottura come ha sempre fatto in due anni. E le poltrone, visto che è coordinatore cittadino, vicecapogruppo in Consiglio e ha una carica nel Cda del Ponchielli. Se ci fossero altre tre sedie – conclude Everet – prenderebbe anche quelle”.

Congresso alle spalle, ma la faida in seno al partito emerge in tutta la sua sostanza. A dimostrarlo anche la foto pubblicata su facebook da Ghidotti (e subito rimossa), con Berlusconi che fa il dito medio sotto la scritta in maiuscolo ‘ASFALTATO’. Ghidotti sostiene tuttavia non fosse rivolta allo sfidante Calvi. Forse una leggerezza o semplicemente la foga per la vittoria, ma tant’è. Sta di fatto che il cammino della nuova segreteria cittadina di Forza Italia non inizia sotto i migliori auspici.

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti
  • paolo

    signor Everet si metta il cuore in pace nei partiti vince sempre il più astuto se anche dovesse fare ricorso ad un organo che come afferma lei giustamente non esiste vedi probiviri le darebbero torto perché questi organi sono gestiti da persone che non hanno convenienza andare contro il loro stesso partito.

    • Lella Rossi

      Si spera sempre nel buon senso