Ultim'ora
3 Commenti

Ruba dentifricio, mascara e
yogurt all'Esselunga. Finisce
nei guai per tentata rapina

AGGIORNAMENTO - Sarà processato l’11 aprile prossimo con il rito abbreviato, il 38enne residente in città e già noto alle forze dell’ordine per reati contro il patrimonio, arrestato nel tardo pomeriggio di ieri per tentata rapina impropria all’Esselunga di via Ghisleri.

Sarà processato l’11 aprile prossimo con il rito abbreviato, Manuel Mancastroppa, il 38enne residente in città e già noto alle forze dell’ordine per reati contro il patrimonio, arrestato nel tardo pomeriggio di ieri per tentata rapina impropria all’Esselunga di via Ghisleri. L’uomo, difeso dall’avvocato Raffaella Parisi, è apparso questa mattina per la direttissima davanti al giudice Christian Colombo che ha convalidato l’arresto e rimesso in libertà l’imputato in attesa dell’udienza di aprile. Verso le 16 di domenica l’uomo, che è disoccupato, è entrato nel supermercato e dopo aver prelevato il carrello e il palmare elettronico per il conteggio della spesa, ha prelevato una confezione di dentifricio, una di crema idratante, due mascara, due confezioni di cioccolato e una di yogurt, il tutto per un valore di 50, 18 euro. Uno dei mascara, l’imputato avrebbe voluto regalarlo alla fidanzata, l’altro aveva intenzione di venderlo. Una parte della spesa, il 38enne l’ha riposta nel carrello, mentre l’altra l’ha nascosta sotto gli indumenti. Al passaggio alla cassa ha effettuato il pagamento della merce registrata con il palmare, ma per il resto ha cercato di eludere il controllo sulla sua persona. Il responsabile della sicurezza gli ha intimato di restituire il maltolto, avvertendolo che in caso contrario avrebbe chiamato i carabinieri, e a quel punto il 38enne ha reagito violentemente, spintonando il sorvegliante. L’arrivo della pattuglia ha consentito di bloccare l’uomo che è stato arrestato per tentata rapina impropria. Nel processo per direttissima, l’imputato ha ammesso il furto, ma ha negato di aver usato violenza contro il responsabile della sicurezza.

Sara Pizzorni

© Riproduzione riservata
Commenti