Ultim'ora
Commenta

Triple da record per Vanoli
con Turner e McGee

Non basta la sesta partita stagionale da almeno 10 triple realizzate alla Vanoli per diventare la prima squadra ad espugnare il PalaBigi in stagione.
Turner nella foto

Non basta la sesta partita stagionale da almeno 10 triple realizzate alla Vanoli per diventare la prima squadra ad espugnare il
PalaBigi in stagione. Il record in Serie A di partite con almeno 10 triple a segno è di 8, nella stagione 2010/2011. La Vanoli versione 2015/2016 è però, al momento, quella più prolifica dall’arco con 8 triple segnate di media a partita, il massimo in Serie A davanti alle 7.8 del 2009/2010, la prima stagione nel massimo campionato. Con 21 punti a Reggio Emilia, Tyrus McGee firma la propria quarta partita da almeno 20 punti in stagione, la terza con almeno 4 triple a segno. I top di McGee (secondo per percentuale da 3 in Serie A con il 48.7% dietro al milanese Krunoslav Simon) restano quelli di Varese, dove segnò 25 punti con 5/6 da tre. L’unico nella storia della Vanoli a segnare almeno 20 punti in quattro partite nella stessa stagione in Serie A partendo dalla panchina è stato Luca Vitali nella stagione 2012/2013. Terza partita in stagione con almeno 5 triple a segno, invece, per Elston Turner, 5/9 come contro Sassari. La sua miglior performance resta il 5/7 da tre a Pesaro. La guardia ex Texas A&M è però il primo giocatore biancoblu in Serie A a riuscire nell’impresa, battendo Troy Bell e James Bell (2 volte con almeno 5 triple). Con ancora 9 partite da giocare in regular season, Turner è già a quota 40 triple realizzate (il migliore del roster biancoblu), pronto ad avvicinare le 52 realizzate nella sua prima stagione italiana con la maglia di Pesaro. Il record in Serie A per un giocatore della Vanoli sono le 64 segnate da Troy Bell nella stagione 2009/2010.

© Riproduzione riservata
Commenti