Commenta

Il mental coach
Andrea Devicenzi al Manin:
'Così si vincono le sfide'

foto Sessa

L’atleta paralimpico Andrea Devicenzi, nato a Martignana Po, ha fatto tappa al liceo Manin, mercoledì 2 marzo, nel suo tour attraverso le scuole di tutta Italia per spiegare come nella vita il cuore vada buttato oltre l’ostacolo, anche quando le limitazioni sono grandi. Davanti ad un gruppo di studenti attento e impressionato, Devicenzi ha raccontato la sua vita, del trauma da incidente motociclistico che a 17 anni gli fece perdere la gamba sinistra, di come sia riuscito a vincere quell’handicap ‘superando’ il muro che all’improvviso gli aveva bloccato la strada. Ha poi ricordato alcune tappe delle sue imprese sportive, la più importante delle quali può essere considerato il raid in autosufficienza sulla strada carrozzabile più alta del mondo, 700 km in 8 giorni in mountain bike fino a raggiungere la cima indiana di Kardungla a quota 5600 m. Il tour per le scuole d’Italia vuole far scoprire ai ragazzi i talenti che ciascuno porta in sé, imparando ad esprimerli senza scoraggiarsi davanti alle cadute.

g.biagi

devicenzi4- dentro devicenzi3 - dentro devicenzi2 - evid devicenzi1 - dentro

© Riproduzione riservata
Commenti