3 Commenti

Spacciava eroina tra gli
utenti del Sert, arrestato
31enne pakistano

E’ finito in manette un 31enne pakistano che spacciava eroina tra gli utenti del Sert di via Postumia. L’operazione, condotta dai finanzieri del Nucleo di Polizia Tributaria di Cremona, è scattata nella prima mattinata di mercoledì, quando l’uomo, trovato con quasi 2 etti di eroina suddivisa in numerose confezioni, è finito in manette. Al 31enne, regolarmente residente in provincia di Mantova, è stato sequestrato anche un cellulare e denaro contante pari ad euro 430, ritenuto provento dell’attività di spaccio.

La contestazione nei suoi confronti è di spaccio aggravato, proprio perché l’eroina veniva venduta agli utenti del Sert. I militari, nel corso di un servizio in abiti civili, avevano notato diversi assistiti attardarsi nei pressi della struttura dopo avere ricevuto la terapia. Ipotizzando che gli utenti del centro potessero essere in attesa di un fornitore di droga i finanzieri, nascondendosi tra i passanti, li hanno tenuti d’occhio per diversi giorni. Nelle prime ore di mercoledì 4 maggio hanno individuato un’autovettura posteggiata nelle adiacenze del Sert, con a bordo un occupante dal fare sospetto.

Effettuata una prima fase di osservazione ed eseguiti i preliminari accertamenti tramite la Sala Operativa del Comando Provinciale, è scattato il controllo nei confronti del soggetto, identificato nel cittadino pakistano Z.Q. di 31 anni, con il ritrovamento di eroina, pari a circa 115 grammi, occultata in una intercapedine del vano motore. L’uomo è stato quindi condotto presso la caserma di via Zara dove l’automobile è stata sottoposta ad ispezione più approfondita, con il rinvenimento di ulteriori 65 grammi di eroina, abilmente nascosti nella scatola dei fusibili. Al termine delle operazioni il pakistano è stato accompagnato in carcere, come disposto dal pubblico ministero di turno.

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Sorcio Verde

    ALEE!

  • pier

    e rispedirlo nella sua terra d’origine ……..

  • luciano

    Portatori di cultura e di droga … che bello!