Commenta

Boxe: l'ABC festeggia i 70
anni di attività. Sabato in
piazza gare ed esibizioni

L’Associazione Boxe Cremona, nata nel 1946, si appresta a festeggiare il suo settantesimo anno di attività. E lo farà alla grande, con un imperdibile appuntamento sportivo che si svolgerà sabato 4 giugno in piazza Stradivari.

L’Accademia Boxe Cremona, nata nel 1946, si appresta a festeggiare il suo settantesimo anno di attività. E lo farà alla grande, con un imperdibile appuntamento sportivo che si svolgerà sabato 4 giugno in piazza Stradivari. Ci saranno gare ed esibizioni, ma il principale obiettivo sarà soprattutto quello di far conoscere l’ABC che nel corso degli anni ha forgiato campioni di caratura europea, nazionale e mondiale. Non solo: la società, negli anni, è stata insignita di numerosi riconoscimenti, come la Stella d’argento nel 1982, la Stella d’oro per meriti sportivi nel 2002 e nel 2004 è stata prima in graduatoria nella federazione pugilistica italiana.

Uno sport, quello del pugilato, che come tutte le discipline ha avuto un’importante evoluzione, sia dal punto di vista della preparazione degli atleti che sotto il profilo delle attrezzature, estremamente moderne e all’avanguardia. Basti pensare ai guantoni antishock, ai paradenti in gel, fino ai caschi protettivi di ultima generazione per ammortizzare i colpi e proteggere al massimo gli atleti. Da alcuni anni, poi, sono subentrate altre discipline, dove comunque alla base c’è sempre la boxe: la boxe light, ad esempio, che crea le stesse emozioni del pugilato ma dove il contatto è più soft, oppure il kickboxing o l’MMA.

Alla palestra dell’Accademia Boxe Cremona fervono i lavori per organizzare al meglio l’appuntamento di sabato. Sì, perché lo staff, a cominciare dal presidente Fulvio Dernini fino all’allenatore Giovanni Merisio, stanno mantenendo l’attività senza alcun supporto esterno, ma solo grazie al contributo economico degli appassionati.

Il 4 giugno in piazza Stradivari ci saranno gare a livello agonistico, esibizioni di pugilato e  e kickboxing e verranno presentati i migliori pugili dell’Accademia, comprese le giovani promesse. Tra l’altro, sempre il 4 di giugno, ma a Rimini, è in programma la finale dei campionati italiani nella quale gareggeranno anche due pugili dell’ABC.

“Stiamo cercando di lavorare al meglio per far conoscere a tutti quella che è l’attività della palestra”, ha spiegato l’allenatore Giovanni Merisio. “Da un paio d’anni, poi, da quando è arrivato il nuovo presidente Dernini, si sta cercando di dare un’impronta più innovativa, e lo stiamo facendo nonostante le carenze di carattere economico. Infatti non godiamo di alcun supporto, andiamo avanti solo grazie all’aiuto di chi ama questo sport”.

L’allenatore Merisio ha voluto sfatare anche un luogo comune che spesso accompagna il pugilato, e cioè che si tratta di uno sporto praticato da “gente di strada”. “Niente di più falso, quei tempi sono finiti”, ha detto l’allenatore. “Tra i nostri agonisti ci sono persone diplomate e laureate, e a quei genitori che avessero figli con voglia di approcciarsi al mondo della boxe, dico di non avere timore. Il pugilato non è più sinonimo di degrado”.

Sara Pizzorni

pug-d

pug-d1

 

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti