Commenta

Cultura Partecipata,
il matrimonio di Stradivari
e la targa a Ernesta Bittanti

Nel progetto Cultura Partecipata è la fase della “memoria”. Sabato 2 luglio la casa di Antonio Stradivari in corso Garibaldi è protagonista con lo spettacolo gratuito (programmato a ripetizione ogni ora: 17,30, 18,30, 19,30) dal titolo “Io Francesca Ferraboschi mi sposo il 4 luglio” del Teatro di San Giorgio e il Drago. Il 4 luglio 1667 il giovane Antonio Stradivari sposò Francesca Ferraboschi. Il fatto suscitò scalpore in una Cremona seicentesca dalle tinte oscure. La sposa era una vedova che aveva perso il marito in un duello ed aspettava un figlio. Il Teatro di San Giorgio e il Drago, nel suggestivo contesto della casa nuziale Stradivari, riporta il pubblico indietro nel tempo, facendo rivivere quei momenti.

Martedì 12 luglio, alle 10, il Centro Incontri Diplomatici, nell’ambito del programma dell’Istituto Per la storia del Risorgimento italiano delle province di Cremona e Lodi, per conservare la memoria storica e il ricordo del territorio cremonese nel contesto degli eventi che hanno visto la città di Cremona protagonista della storia locale e nazionale, posa una targa in ottone ricordo all’ingresso del palazzo dove visse col padre e i figli nel 1914 la professoressa Ernesta Bittanti (moglie del deputato Costituente Cesare Battisti). Il palazzo si trova in via Beltrami 18.

IL PROGRAMMA

Sabato 2 luglio ore 17,30 – 18,30 – 19,30 Casa Stradivari, corso Garibaldi 57
Prenotazione obbligatoria info: TE’X2 0372 30500 – teperdue@tiscali.it

TEATRO DI SAN GIORGIO E IL DRAGO
Io Francesca Ferraboschi mi sposo il 4 di luglio
Filone 4  – Affinità con i grandi progetti

Martedì 12 luglio ore 10.00 Palazzo di via Beltrami 18

CENTRO INCONTRI DIPLOMATICI
Posa targa in ricordo dell’uccisione di Cesare Battisti
Filone 1 – Memoria futuro e convivenza: la nostra Costituzione

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti