Commenta

Partiti lavori
di manutenzione straordinaria
a Palazzo comunale

Via a lavori di manutenzione straordinaria a Palazzo Comunale. E’ iniziato l’intervento per il rinnovo dei servizi igienici del personale collocati nella torre dell’acquedotto, meglio conosciuta come Torre Pretoria: tre gruppi di bagni, uno per piano, non più adeguati per il loro stato di vetustà. I dipendenti avevano messo in evidenza da molti anni questa carenza alla quale ora si pone rimedio.Sempre per quanto riguarda Palazzo Comunale, sarà rifatta l’impermeabilizzazione della terrazza prospiciente il cortiletto interno dell’edificio.

I lavori di manutenzione straordinaria in corso fanno parte di un più ampio progetto di interventi negli edifici pubblici a diversa destinazione. Parte di queste opere nel frattempo sono state aggiudicate, per complessivi 139.350,50 (IVA esclusa), e comprendono: l’adeguamento strutturale ed igienico del Centro Civico di Bagnara (ripasso del manto di copertura, adeguamento dei servizi igienici, eliminazione delle barriere architettoniche, misure strutturali per la messa in sicurezza dei soffitti interni); il ripasso della copertura della sede del CISVOL negli edifici annessi al Palazzo Duemiglia; il rifacimento dell’impermeabilizzazione della terrazza che copre gli spazi del laboratorio di restauro a Palazzo Affaitati; la realizzazione di un tratto di marciapiede nel cortile dell’ex casa Sperlari a servizio dell’accesso alla sede di una associazione che vi è ospitata. A Bagnara quanto previsto è stato ormai completato, ora sono iniziati i lavori a Palazzo Comunale, mentre sono già stati eseguiti alcuni interventi di manutenzione urgente in altri edifici, tra questi il Comando della Polizia Locale. Nel progetto generale sono inseriti anche l’automazione dell’ingresso a Palazzo Ala Ponzone, la filtrazione della radiazione solare proveniente dal lucernario del patio ovest del Museo del Violino, opere varie da elettricista e da idraulico che saranno affidate a ditte specializzate.

Si tratta di interventi di riqualificazione edile ed impiantistica necessari a conservare l’efficienza, la salubrità e la concreta funzionalità degli edifici destinati a sedi istituzionali, magazzini e laboratori, a quella parte del patrimonio storico e non, concessi in uso a terzi, eliminando tutte le cause che potrebbero determinare disservizi sia all’utenza esterna che a quella interna, consentendo agli operatori di svolgere le proprie mansioni ed il proprio lavoro in piena sicurezza e decoro degli ambienti. Gli edifici necessitano infatti di continui interventi di manutenzione, sia degli elementi architettonici (per esempio le coperture, le pareti interne ed esterne, le pavimentazioni, i rivestimenti, i serramenti interni ed esterni, i manufatti in metallo, i cortili), sia degli impianti tecnologici per rallentarne il degrado e consentire la fruibilità degli uffici, degli spazi dedicati al pubblico e a coloro che vi lavorano.

© Riproduzione riservata
Commenti