Cronaca
Commenta

Diocesi, dal vescovo altre 3 nomine: don Gandioli, don Gaiardi e don Agnelli

Non si ferma il lavoro del vescovo Antonio Napolioni, che da diverse settimane sta riposizionando i sacerdoti in ruoli nuovi all’interno della Diocesi. Gli ultimi tre provvedimenti sono stati comunicati nella mattinata di domenica.

Don Gianluca Gaiardi,  finora vicario parrocchiale di S. Maria Immacolata e S. Zeno a Cassano, è stato nominato parroco di S. Felice martire e S. Savino vescovo a Cremona, al posto di don Claudio Rossi trasferito a Torre de’ Picenardi.

Don Francesco Gandioli, sacerdote novello originario di Gallignano, frazione di Soncino, è stato invece nominato vicario di Sant’Abbondio in Cremona: riceverà il testimone da don Francesco Cortellini, nuovo vicerettore del Seminario.

Infine a don Antonio Agnelli, parroco di Corte de’ Frati, è stata affidato anche l’incarico di accompagnatore spirituale delle Acli cremonesi.

Don Gianluca Gaiardi è nato ad Orzinuovi (Brescia) il 21 dicembre 1971 ed è stato ordinato sacerdote il 22 giugno 1996 mentre risiedeva nella comunità di Soncino. È stato vicario a Covo dal 1996 al 2000, quindi a Brignano Gera d’Adda dal 2000 al 2005 e a Vailate dal 2005 al 2009. Dal 2009 era vicario nella comunità di S. Maria Immacolata e S. Zeno in Cassano d’Adda. Il 16 giugno 2016 mons. Napolioni lo ha nominato incaricato diocesano dei beni e delle attività culturali. Ora gli ha anche affidato la guida delle comunità di San Felice e San Savino in Cremona.

Don Francesco Gandioli, nato il 21 febbraio 1989 a Chiari (Bs), è originario della parrocchia S. Pietro Apostolo in Gallignano. Diplomato presso il liceo classico Racchetti di Crema, nel settembre del 2009 è entrato in Seminario, nella classe di Propedeutica. Durante gli anni di formazione ha prestato servizio pastorale nelle parrocchie di S. Francesco d’Assisi in Cremona, nell’unità pastorale di Pozzaglio-Castelnuovo Gherardi-Olmeneta-Casalsigone e in quella di Azzanello-Barzaniga-Casalmorano-Castelvisconti-Mirabello Ciria. Inoltre ha collaborato con il Centro diocesano vocazioni, prestando inoltre servizio presso la Casa della Speranza di Cremona. Ha svolto alcuni esperienze estive insieme agli studenti del Liceo Vida in Albania e a sostegno degli utenti della cooperativa sociale Gamma. Il 26 settembre 2015 don Gandioli è stato ordinato diacono dal vescovo Dante Lafranconi e nell’anno pastorale 2015/2016 ha prestato il proprio servizio diaconale, dal venerdì pomeriggio alla domenica sera, nelle comunità di Vicomoscano-Casalbellotto-Quattrocase-Fossa Caprara, guidate da don Ottorino Baronio. L’11 giugno 2016, nella Cattedrale di Cremona, mons. Antonio Napolioni lo ha ordinato sacerdote. Ora il presule lo ha scelto come nuovo vicario di Sant’Abbondio in città al posto di don Francesco Cortellini che è stato nominato vicerettore del Seminario.

Don Antonio Agnelli è nato a Isorella (Brescia) il 21 luglio 1957 ed è stato ordinato sacerdote il 19 giugno 1982 mentre risiedeva nella comunità di Scandolare Ripa d’Oglio. È stato vicario nella comunità «Beata Vergine di Caravaggio» in Cremona dal 1982 al 1983 e poi a Casalbuttano dal 1983 al 1995. Quindi la promozione a parroco di Dosimo e Quistro dal 1995 al 2004. Dal 2004 è parroco di Corte de’ Frati, incarico che manterrà accanto a quello nuovo di accompagnatore spirituale delle Acli cremonesi. Don Agnelli, autore di numerosi libri di teologia ed esperto della figura di mons. Oscar Romero, è laureato in teologia dogmatica.

© Riproduzione riservata
Commenti