Commenta

Moni Ovadia porta i suoni
dell'Adriatico a palazzo Trecchi

Doppio appuntamento in settimana con il Festival AcqueDotte: venerdì (ore 21.30) a palazzo Trecchi è di scena Moni Ovadia con l'Orchestrina Adriatica; domenica (ore 21.30) si balla alla Terrazza sul Po con la Spleen Tango Orquesta e il suo tango tradizionale argentino.



Doppio appuntamento, questa settimana a Cremona, con il Festival AcqueDotte: venerdì (ore 21.30) a palazzo Trecchi è di scena Moni Ovadia con l’Orchestrina Adriatica e lo spettacolo Trasponde, mentre domenica (ore 21.30) si balla alla Terrazza sul Po con la Spleen Tango Orquesta e il suo tango tradizionale argentino.

MONI OVADIA E L’ORCHESTRINA ADRIATICA

. Attore e regista, scrittore e musicista, Ovadia presenterà insieme all’Orchestrina Adriatica lo spettacolo Trasponde. 
Una produzione, quella di Protea Production e Festival Adriatico Mediterraneo, che unisce racconti, brani tradizionali e composizioni inedite, dove le diverse parlate si intrecciano e si accostano. 
I ritmi tradizionali balcanici si accavallano alle tendenze della musica contemporanea. Da un lato i racconti tratti dai testi di Predrag Matvejevic, Paolo Rumiz e dello stesso Moni Ovadia, dall’altro le musiche originali scritte da Giovanni Seneca.

 Lo spettacolo è anche un omaggio al mare Adriatico, che torna ad essere come in passato “un ponte tra le sue sponde, a collegare mondi un tempo uniti politicamente e culturalmente, che la grande Storia ha separato, ma che continuano a mantenersi in contatto grazie a quanti credono alla cultura come strumento di comunicazione finalizzata a ritrovare il dialogo tra i popoli”.
I canti presentano elementi nelle lingue locali, quali bulgaro, serbo, greco, ladino, turco e vari dialetti italiani. Si tratta dunque di un repertorio plurilingue, in cui talora una stessa melodia accompagna testi in lingue diverse, talora una stessa canzone si compone di strofe in varie parlate.
Di particolare interesse l’organico dell’Orchestrina Adriatica: strumenti magici rapiti da luoghi conosciuti che rivendicano la loro appartenenza a popoli e culture diverse e ricordano le sonorità sepolte nella nostra memoria, come le tre chitarre mediterranee (classica, battente e flamenca), le numerose percussioni (riq, darbuka e i tamburi a cornice), il contrabbasso, la fisarmonica e l’organetto. Questi strumenti assieme alle voci sono i protagonisti di questo percorso estetico e accompagnano l’ascoltatore in un viaggio nel tempo e nelle culture, ricreando un paesaggio sonoro unico e avvolgente.

Ingresso al botteghino: 20 €
Prevendite (22 €) a questo link: http://bit.ly/2bsBCF4

SPLEEN TANGO ORQUESTA. Una nuova location in riva al Po e l’ingresso gratuito sono invece le premesse dell’appuntamento di domenica 28 agosto, quando il Festival AcqueDotte traslocherà alla Terrazza sul Po in Largo Marinai d’Italia per il concerto della Tango Spleen Orquesta, progetto musicale affermato a livello internazionale e universalmente riconosciuto come una delle massime espressioni dl tango e musica popolare argentina.
 Davanti al palco verrà allestita piattaforma da ballo di 10 metri per 10, dove il pubblico potrà danzare liberamente per una serata di musica e di festa tutta da godere.
Nata dall’iniziativa del suo direttore, il cantante e pianista argentino Mariano Speranza, la Tango Spleen Orquesta coniuga la tradizione della musica popolare argentina con la continua ricerca della propria evoluzione stilistica e compositiva, rivelandosi come uno dei punti di riferimento del genere del tango e della sua avanguardia contemporanea.
L’ensemble si esibisce in palcoscenici prestigiosi e festival internazionali in tutto il mondo, conquistando pubblici eterogenei. E’ una delle orchestre più ambite dei festival internazionali di tango e la sua musica originale è colonna portante di coreografie, documentari e film. Grazie al carattere e alla versatilità musicale, Tango Spleen abbraccia collaborazioni significative, tra cui si ricordano la storica voce del rock progressivo italiano Bernardo Lanzetti e il tour europeo della cantautrice uruguaiana disco di platino Malena Muyala; nel 2014 a Mosca l’ensemble entusiasma pubblico e critica accompagnando il tenore Marcelo Alvarez.
Tre gli album pubblicati fino ad ora: Mariano Speranza Tango Spleen (2010) vincitore del concorso “Suoni senza Confini”, Tipico (2011) in omaggio alle grandi orchestre della storia del genere e Canto para seguir (2015). 

La serata sarà ad ingresso gratuito.

tango - dentro

© Riproduzione riservata
Commenti