4 Commenti

Viabilità sotto attacco
in via Brescia: 'La Regione chiede
indietro 500mila euro'

Accesso agli atti del consigliere Federico Fasani. 200mila sarebbero dovuti per l'istituzione del senso unico nel sottopasso.

Mentre in Comune si sta pensando a stabilizzare la situazione viabilistica tra via Brescia e Persico – in particolare via Esilde Soldi – dalla Regione arriva la doccia fredda sul sottopasso di via Brescia. Secondo quanto appreso dal consigliere di Ncd Federico Fasani, in seguito a richiesta di accesso agli atti, “il Comune di Cremona dovrà restituire a Regione Lombardia più di 500.000€, già incassati è già spesi, per i pasticci ostinatamente combinati nell’ambito dei lavori per il sottopasso di via Brescia. Una quota, più di 200mila, dovuti alla modifica dei sensi di marcia e i restanti, circa 300mila, per altre difformità tra quanto finanziato e quanto realizzato. A questi 500 e passa mila euro si aggiungono le costose ed inutili varianti richieste dall’Amministrazione e reclamate giustamente dall’impresa esecutrice (280.000€) per un importo complessivo che supera gli 800.000€”.
“Ora mi chiedo – continua Fasani – dove prenderanno i soldi per tappare i buchi causati dalla loro incapacità amministrativa? È giusto che siano i cittadini a pagare? L’aumento del prelievo fiscale di un milione di euro dalle tasche dei cittadini ha a che fare con questa brutta storia? E i tagli agli stipendi dei dipendenti comunali hanno a che fare con tutto questo?
Da qui al ribadire concetti già sottolineati nei mesi scorsi dalla minoranza, il passo è breve: “La cosa più triste – conclude il consigliere – è che se avessero ascoltato i moniti che da più parti giungevano e avessero rispettato il progetto ereditato, tutto questo non sarebbe successo, si sarebbero attuati i programmi economici e non ci sarebbero stati problemi per la viabilità. Ma loro devono “mettere la bandierina” sui lavori pensati e finanziati da altri come purtroppo sta avvenendo anche per il progetto della pista di Cavatigozzi. Questi sono i risultati del modo ideologico ed irresponsabile di governare messo in campo dal Professore e dall’Assessora Alessia Manfredini”.

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti
  • antonio1956

    Meno male che c’è un consigliere che informa, attraverso questa testata, la cittadinanza. Che resta in attesa di una replica chiarificatrice dai diretti interessati

  • Dott. Landi Roberto

    L’ennesimo disastro di questa catastrofica Amministrazione di inetti, ammantati di ideologie pseudo ecologiste degne davvero di miglior causa. In compenso ci riempiono di piste ciclabili…

  • Italiana

    Ma si sapeva benissimo che lo spazio per le due corsie non c’era? Di che parla FAsani?

  • Sorcio Verde

    Facciamo pagare un euro alla bici che passano, l’assessora potrebbe fare l’esattore.
    Mi ricorda qualcosa….”Chi siete?Cosa portate?Si ma quanti siete?Un Fiorino!….anzi Un Euro!
    HAHAHA!