Commenta

La Corte dei Conti conferma
l'assoluzione per la giunta
Perri sul caso precari

La Corte dei Conti, terza sezione d’appello di Roma, ha confermato con sentenza il giudizio di primo grado: tutti assolti i componenti della giunta Perri e i dirigenti comunali che avevano ‘stabilizzato’ i precari, alcuni ultradecennali, assumendoli a tempo indeterminato con decorrenza economica diversa da quella giuridica. Sottoposti a giudizio erano il direttore generale Pasquale Criscuolo, il sindaco Oreste Perri, gli assessori Francesco Zanibelli, Claudio Demicheli, Francesco Bordi, Maria Vittoria Ceraso, Carlo Malvezzi, Nicoletta DeBona, Alessandro Zagni; e il direttore del personale Maurilio Segalini.

Nessun danno all’erario, dunque,  derivante dall’assunzione di 32 unità di personale in Comune nonostante il mancato rispetto del patto di stabilità per l’anno 2009. Tesi della Procura era invece che fosse stato commesso un illecito volto ad eludere la norma.

La sentenza di primo grado era arrivata nel luglio 2013: ‘Il Collegio – si leggeva nelle motiivazioni – respinge le domande risarcitorie avanzate dalla Procura per mancanza di danno e ciò senza considerare che non sussiste neanche l’elemento soggettivo della colpa grave che implica, come è noto, comportamento connotato dall’assenza della diligenza, prudenza e perizia minima nell’applicazione delle norme e nella cura degli interessi propri dell’Ente. Come più evidenziato, infatti, il comportamento dei convenuti è stato caratterizzato dal rispetto sostanziale delle prescrizioni normative e dall’attenzione alla cura degli interessi del Comune”.

Insomma, nel dare atto di come nel Comune di Cremona, la voce di spesa per il personale si sia rivelata in continua e progressiva decrescita già a partire da esercizi antecedenti rispetto a quello in cui la stabilizzazione è intervenuta, i giudici di secondo grado hanno precisato come la condotta posta in essere nella vicenda in esame, oltre che pienamente legittima, si qualificasse anzi come obbligatoria, in relazione al contesto normativo e fattuale in cui essa ha avuto luogo.

AGGIORNAMENTO – “Apprendiamo con gioia e con soddisfazione questa notizia – dichiara il sindaco Gianluca Galimberti – E’ un bel risultato per il Comune e soprattutto per i lavoratori, preziosissimi per l’Ente e per la città. Un risultato a scavalco di due amministrazioni, anche questo segno importante. Grazie a tutti quelli che si sono impegnati e hanno contribuito al raggiungimento di questo risultato”.

LEGGI LA SENTENZA

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti