Commenta

Meteo, analisi dell'Arpa:
settembre caldo,
ma non da record

Un’estate nella norma e un caldo inizio d’autunno. Questa l’analisi sulla stagione appena terminata da parte del Servizio Meteorologico di Arpa Lombardia riguardo le temperature e le piogge registrate durante la stagione estiva 2016.
Foto Sessa

Un’estate nella norma e un caldo inizio d’autunno. Questa l’analisi sulla stagione appena terminata da parte del Servizio Meteorologico di Arpa Lombardia riguardo le temperature e le piogge registrate durante la stagione estiva 2016 che, dal 1 settembre, ha ceduto il passo all’autunno meteorologico. I dati raccolti dall’inizio dell’autunno meteorologico, messi a confronto con i report della recente climatologia (1990-2015), confermano temperature superiori alla media per il periodo: nella prima decade di settembre, sulla pianura lombarda, contro le usuali massime tra i 26° e 29°C, si sono raggiunti i 33°/34°C in almeno 3 giornate: il 2 settembre 33°C a Bargnano-BS e 34.1°C a Persico Dosimo-CR; il 3 settembre 33.6°C a S.Angelo Lodigiano-LO e 33.7°C a Landriano-PV; il 5 settembre 33.7° a Rivolta d’Adda-CR.
Anche nel recente passato, però, nel mese di settembre si sono avute temperature decisamente estive: nel 1997 i primi 10 giorni furono contraddistinti da massime anche superiori a 33°/35°C per diversi giorni (34.1°C a Milano il 10.09, 34°C a Palidano di Gonzaga-MN il 7.09, 33°C a Rivolta d’Adda-CR il 10.09 ); nel 2006 massime rilevanti il 5 e 6 settembre (34.8°C a Persico Dosimo-CR il 5, 34.5°C a Paratico-BS il 5, 33.7°C a Milano il 5 e il 6); e, infine, nel 2011 le temperature anomale si registrarono sia ad inizio mese sia nella seconda decade di settembre (33.5°C a Mantova il 3.09 e a Persico Dosimo-CR,11.09).
“Inusuale, invece”, come ha spiegato Bruno Simini, presidente di Arpa Lombardia, “l’andamento del tempo che dalla fine di agosto si è attestato su temperature superiori alla media, accompagnate da una umidità in graduale aumento che ha reso alcune giornate particolarmente afose”.
“Anche per i prossimi giorni non ci attendiamo modifiche sostanziali nelle condizioni meteorologiche sulla nostra regione – ha proseguito Simini – e quest’inizio autunno continuerà a regalarci giornate ben soleggiate e calde, con temperature fino a 30°C, almeno fino a giovedì prossimo”.
L’analisi effettuata dal Servizio Meteorologico di Arpa Lombardia sui dati registrati nel corso dell’estate meteorologica, che va dal 1 giugno al 31 agosto, mostra che sono state l’alta pianura, le Prealpi e le Alpi le zone in cui ha piovuto di più, mentre nel resto della regione le piogge sono risultate in linea con i valori del periodo degli ultimi 25 anni. Anche se, in giugno e luglio, la circolazione atmosferica è stata caratterizzata da frequenti passaggi di aria più instabile dall’Atlantico, che hanno portato una certa variabilità e alcuni episodi meteorologicamente più significativi, quali la nevicata in fondovalle a Livigno la sera del 13 luglio.

© Riproduzione riservata
Commenti