Cultura
Commenta

Laurea restauro al debutto: i primi 5 studenti vengono da vivaio liuteria cremonese

La sede di Musicologia a palazzo Raimondi

I cinque studenti che hanno superato il test per entrare nel corso della laurea magistrale in Conservazione e Restauro degli strumenti musicali (leggi qui: Tredici domande per 5 posti al corso laurea in restauro strumenti musicali)  unica nel suo genere in Italia, hanno tutti una formazione liutaria cremonese. D’altronde tra i requisiti di accesso per l’ammissione era specificato, oltre ad un’adeguata preparazione iniziale in ambito umanistico e scientifico e una conoscenza musicale di base, come indispensabile il possesso di una adeguata abilità manuale nella lavorazione dei materiali specificamente riconducibili all’ambito degli strumenti musicali e di quelli scientifici e tecnici. I primi cinque studenti del nuovo corso di studi sono Riccardo Angeloni, 23 anni; il giapponese Ioscizachi Aiumi, 37 anni;  Luca Rocca 25 anni; Luisa Campagnolo 48 anni; Tancredi Nicoletti, 29 anni. Se uno di loro rinuncerà subentreranno gli esclusi. L’immatricolazione ora deve essere fatta entro il 16 settembre presso gli uffici della segreteria studenti del dipartimento di musicologia e beni culturali. Il corso sarà presentato il 30 settembre a Mondomusica, mentre i primi di ottobre sarà organizzata una giornata di accoglienza delle nuove matricole. Il corso formerà specialisti nel restauro di quella particolare nicchia di beni culturali che sono gli strumenti musicali. Le lezioni inizieranno i primi di ottobre la sede ufficiale sarà palazzo Raimondi, ma poi a seconda delle lezioni gli studenti si sposteranno tra i laboratori del museo del Violino, CrForma e il Politecnico. 25 studenti in 5 anni di corso di studi, questa la previsione in prospettiva.

s.gal

© Riproduzione riservata
Commenti