Politica
Commenta

Riforma costituzionale: domenica dibattito a teatro Monteverdi

Le associazioni locali “ Ente Nazionale Sordi” e “Andiamo Oltre”, con il patrocinio e la collaborazione del Comune di Cremona, organizzano per domenica 18 settembre alle ore 17 presso il Teatro Monteverdi un incontro sul tema della riforma costituzionale.

Le associazioni locali “ Ente Nazionale Sordi” (sezione provinciale di Cremona) e “Andiamo Oltre”, con il patrocinio e la collaborazione del Comune di Cremona, organizzano per domenica 18 settembre alle ore 17 presso il Teatro Monteverdi in Via Dante 149 a Cremona un incontro sul tema della riforma costituzionale. “Come potrebbe cambiare la nostra Costituzione”.
“Quest’autunno il popolo italiano”, si legge in un comunicato a firma di Luca Penzani (Andiamo Oltre) e di Alfonso Schiavo (Ente Nazionale Sordi), “sarà chiamato a decidere se promuovere o bocciare un corpus di articoli che andrebbe a modificare sostanzialmente la nostra Carta Costituzionale, la Carta che regola i meccanismi su cui si fonda la democrazia nel nostro Paese. Come associazioni riteniamo indispensabile coinvolgere la cittadinanza locale perché il tema riguarda tutti noi da vicino, modifica diritti e doveri che ci appartengono e muta profondamente l’assetto istituzionale dello Stato. Consapevoli dell’importanza di avere sul territorio due figure di primo piano della politica nazionale, profonde conoscitrici della materia per i ruoli da esse occupati, come Luciano Pizzetti del PD (sottosegretario alle Riforme Costituzionali) e Danilo Toninelli, deputato M5S alla Camera e componente della Commissione affari Costituzionali, abbiamo valutato positivamente l’idea di allestire un dibattito in cui emergano con chiarezza le ragioni del si e quelle del no alla Riforma. Il giornalista Simone Bacchetta di Cremona1 svolgerà il ruolo di moderatore del dibattito e la presenza dell’interprete di Lingua dei Segni Italiana Marinella Salami, garantirà in simultanea la traduzione per i non udenti. Ovviamente non mancherà il coinvolgimento del pubblico chiamato ad esprimere riflessioni o chiarimenti sul tema ai diretti interessati. Grazie a questa iniziativa Cremona dimostra la propria volontà all’integrazione e pone i sordi nella condizione di poter votare con piena consapevolezza”. L’ingresso all’incontro è libero.

© Riproduzione riservata
Commenti