5 Commenti

Il terziario avanzato riduce
spazi o abbandona il centro:
che futuro per la città?

Banca Intesa accorpa in un'unica sede le sue due agenzie centrali, chiudendo quella di corso Matteotti e ammodernando quella di piazza Stradivari. Unicredit da tempo ha ridotto il suo spazio in via Gramsci, mentre sul lato verso piazza Roma restano vuoti da anni gli spazi dell'ex Banca di Roma. E in questi giorni se ne va dal centro anche l'Ina Assitalia (ora gruppo Generali)

“No alla terziarizzazione del centro città, no all’espulsione dei  residenti”, questo lo slogan con cui le amministrazioni di sinistra  della città hanno impostato i loro piani regolatori. A distanza di  qualche decennio il centro si sta svuotando di tutto: meno residenti (ci sono 400 appartamenti sfitti nel cuore di Cremona), meno negozi  (serrande abbassate per colpa della crisi e del caro affitti) e, a sorpresa, se ne va anche il terziario avanzato. Il prossimo 26 settembre l’Ina Assitalia, oggi Agenzia Generali Italia Cremona Torrazzo, lascerà la Galleria 25  aprile in cui era fin dalla sua costruzione per trasferirsi in zona Fiera, in via Rosario, 5. Spazi più ampi ma anche quella facilità di  parcheggio che il centro non offre vista l’assenza di posteggi gratuiti
e il prezzo elevatissimo della sosta (1,70 l’ora). Ma se non si trasferisce del tutto, il terziario avanzato riduce gli spazi. Le banche  sono sempre più online e riducono drasticamente metrature di uffici e  personale. Così Banca Intesa, l’ex Cassa di Risparmio delle Province Lombarde, lascerà lo storico Palazzo Fodri per finire nelle vie  Gramsci-Lanaioli accorpata all’ex Banca Provinciale Lombarda. In questi giorni anche i titolari delle cassette di sicurezza in corso Matteotti  hanno ricevuto l’invito a spostarle in piazza Stradivari. Anche
Unicredit si restringe lasciando libero buona parte del piano terra tra  via Gramsci e piazza Roma sperando di affittare poi gli spazi. Anche il  Palazzo della Banca Popolare in via Cesare Battisti è andato svuotandosi di dipendenti e uffici. Meno uffici, meno negozi, meno abitanti. E quelli che ancora ci abitano lamentano – se va bene – schiamazzi notturni come la partita a football alle tre di notte in piazza Stradivari (fotografata da un residente); e quando va male le risse e lo spaccio sulle montagnole dei Giardini pubblici. Quale futuro per il cuore antico e malato di Cremona?

ina-assitalia-cartello-dentro

La vecchia agenzia Ina Assitalia (oggi assorbita dal gruppo Generali) lascia in questi giorni la sede storica di Galleria XXV aprile

 

trasloco-ina

intesa-via-gramsci-dentro

Lavori in corso alla Banca Intesa San Paolo di via Gramsci

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Sorcio Verde

    Sono i risultati della politica di sinistra: +tasse-lavoro

  • Stante59

    Ma se dicono che tutto va bene……

  • sempre io

    Ci pensa il #terziarioDonne a risollevare il centro di #Cremona

  • il Brontolone

    basta guardare la faccia del nostro sindaco per capire dove andrà a finire Cremona!

    • sempre io

      Dove andrà? Dai ci illustri lei… Siamo curiosi😂😂😂