Eventi
Commenta1

A Mondomusica anche una 'band' di sindaci con Galimberti al pianoforte

Che a Gianluca Galimberti piacesse suonare il piano e cantare era cosa nota. Si è visto quando aveva duettato con il sindaco di Brescia Del Bono a giugno, in occasione dell'iniziativa “Suonami! Piazza che vai, pianoforte che trovi” nella città della Leonessa.

Che a Gianluca Galimberti piacesse suonare il piano e cantare era cosa nota. Si è visto quando aveva duettato con il sindaco di Brescia Del Bono a giugno, in occasione dell’iniziativa “Suonami! Piazza che vai, pianoforte che trovi” nella città della Leonessa. Ma anche quando si è esibito live durante i giovedì d ‘estate. A Cremona si replica con una vera e propria performance nei giorni di Mondomusica: nei tre giorni del Salone Internazionale degli strumenti musicali artigianali e degli accessori per liuteria, sei pianoforti invaderanno di nuovo il centro cittadino di Cremona e verranno suonati da concertisti, studenti, appassionati, cittadini, turisti. In questo contesto si inserisce un fuori salone particolare che domenica alle 17 vedrà esibirsi una vera e propria band musicale di sindaci sotto i portici di Palazzo Comunale con una formazione d’eccezione: Galimberti al pianoforte, Del Bono, sindaco di Brescia, alla chitarra e, new entry, Giorgio Gori, sindaco di Bergamo, come voce, come cantante insomma. Top secret con quali canzoni e artisti i tre sindaci intratterranno i cremonesi: le voci di corridoio parlano del repertorio di Battisti e De Andrè. Diciamolo, tre sindaci musicalmente ambiziosi per quest’ insolita esibizione che rientra nel progetto di Rigenerazione Urbana del Comune. I tre sindaci sono uniti sull’asse dei progetti della Lombardia Orientale (insieme a Mantova, con il sindaco Palazzi al momento escluso dalla parte musicale). Galimberti, Gori, Del Bono e Palazzi si incontrano ormai da un anno perchè le città che rappresentano portino avanti battaglie comuni (una su tutte quella dei problemi del trasporto ferroviario) ma anche siano unite in progetti futuri per il bene comune: l’ERG (Lombardia Orientale Regione della Gastronomia nel 2017), la potenziale formazione unica dei corpi di polizia locale e lo sviluppo della banda larga nei quattro comuni.

Federica Bandirali

© Riproduzione riservata
Commenti