Commenta

Illuminazione pubblica,
Comune rifiuta
il progetto di A2A

Prima scollatura tra Amministrazione comunale e A2a dopo l’acquisto, da parte di quest’ultima, della maggioranza di Lgh. “Un progetto ben fatto ed ambizioso, ma senza la necessaria convenienza economica e progettuale”. Comincia così la nota del Comune in cui viene spiegato che la Giunta ha deciso di non aderire alla proposta di progetto avanzata lo scorso luglio da A2A spa relativa all’affidamento del servizio di efficientamento, adeguamento e gestione dell’impianto di pubblica illuminazione. La scelta, fanno sapere da Palazzo comunale, è stata presa dopo aver acquisito i pareri tecnici dei dirigenti comunali e dei consulenti che affiancano l’amministrazione comunale nell’ambito del progetto “100 comuni efficienti” finanziato da Fondazione Cariplo. Ecco le problematiche sostanziali del project: “la non confrontabilità con i parametri della centrale acquisti della pubblica amministrazione Consip, privilegiata dalla normativa vigente, le componenti di costo, la durata della concessione, l’implementazione degli elementi di smart city”.

La Giunta ha già avviato “le azioni necessarie per continuare la costruzione dell’importante progetto e arrivare a soluzioni che, a partire dal molto e utile lavoro già fatto, possano rispondere alle necessarie esigenze di ulteriore miglioramento. Una delle opere pubbliche più importanti per Cremona richiede la massima attenzione e il maggiore impegno per trovare le soluzioni adeguate a favore della città. È stato fin da subito convocato il gruppo tecnico appositamente costituito per delineare le azioni da intraprendere per proseguire il percorso verso la riqualificazione dell’illuminazione pubblica della città, nell’ottica di investimento, risparmio energetico e valorizzazione del patrimonio. E’ già in programma la convocazione della commissione consiliare competente per la prossima settimana per un aggiornamento e un approfondimento sul tema”.

Polemiche vi erano state nei mesi scorsi per l’affidamento della progettazione dell’illuminazione pubblica allo Studio Magnoli.

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti