Commenta

Gran ritorno della canapa:
il nostro territorio
tra i maggiori coltivatori

La coltivazione della Canapa esplode anche a Cremona, dove questa coltivazione ha attecchito dal 2016 espandendosi in oltre 33 ettari e diventando la seconda provincia per estensione, dopo Brescia (67 ettari). Segue Mantova con 22 ettari. A livello regionale, i terreni coltivati sono passati da 23 a 152 ettari negli ultimi due anni con un aumento di oltre il 500%.

E’ quanto emerge da un’analisi della Coldiretti regionale in occasione dell’approvazione definitiva della legge sulla promozione della coltivazione e della filiera agroindustriale della canapa. Se nel 2014 – spiega la Coldiretti Lombardia – questa pianta era presente solo a Lodi, Mantova e Pavia, nel 2016 i campi si sono allargati anche a Bergamo, Brescia, Cremona, Milano e Varese.

“Fino agli anni ‘40 l’Italia con quasi 100mila ettari era il secondo maggior produttore di canapa al mondo (dietro soltanto all’Unione Sovietica)” spiega Coldiretti. “Il declino è arrivato per la progressiva industrializzazione e l’avvento del ‘boom economico’ che ha imposto sul mercato le fibre sintetiche. Adesso è in atto una riscoperta grazie oltre 300 aziende agricole e oltre mille ettari coltivati a livello nazionale”.

“L’agricoltura – conclude Ettore Prandini, presidente di Coldiretti Lombardia – ha un potenziale di innovazione in grado di anche di recuperare vecchie colture e svilupparle in un’ottica di risposte efficaci alle richieste dei consumatori e di applicazioni tecniche innovative, come dimostra anche la canapa”.

© Riproduzione riservata
Commenti