Commenta

Visitatori all'ufficio turistico
6mila in più tra 2015 e 2016
Calo a picco degli stranieri

Comune e Provincia diffondono i dati definitivi del 2016 relativamente  ai flussi di utenti registrati allo IAT (gestito dal Comune da giugno 2016). In totale sono stati 49.631 i passaggi (44.084 era stato il totale nel 2015). “Il saldo attivo rispetto al 2015 – riportano Comune e Provincia – è dovuto soprattutto al grande flusso di pubblico registrato presso lo IAT e nel punto di accoglienza, sempre gestito dal Comune, ubicato sotto i portici del Palazzo Comunale durante i due week end della Festa del Torrone che quest’anno ha raggiunto circa 200mila visitatori. Rispetto agli altri mesi, si deve sottolineare che i visitatori che arrivano in città spesso sono già in possesso delle necessarie informazioni per la loro visita grazie alla promozione in atto e a canali informativi ulteriori, come siti web e App a disposizione”.
A partire dal mese di luglio 2015 l’ufficio è rimasto aperto 4 pomeriggi anziché 6 come nel passato. Pertanto, tutto il primo semestre 2016 sconta una diminuzione di apertura dello sportello rispetto al 2015 che si traduce in minori accessi all’ufficio. Dati significativi sono la diminuzione complessiva dei turisti stranieri, passati dai 14.000 del 2014 ai 9.800 del 2016, elemento che fa scendere gli accessi complessivi dai 52.123 del 2014 ai 49.600 del 2016.

iat cremona - dentro

“Dati tutti questi elementi – continuano i due enti – è evidente che i dati dello IAT sono solo indicativi. Per un quadro completo sull’attrattività della città, è in atto – come ogni anno – la redazione del Rapporto statistico annuale sul turismo che contiene i numeri sulla ricettività e sui pernottamenti.
 Nel frattempo, altri numeri sono già a disposizione: il dato positivo relativo ai visitatori registrato nei musei della città che rafforza l’attrazione turistica di Cremona e la sua capacità di costruire un’offerta sempre più ampia e diversificata. Senza dimenticare il grande lavoro di riqualificazione dell’area del Parco del Po, attrattore turistico sempre più importante e meta di tanti turisti in visita alla città. I dati sulla fruizione delle crociere presentano un saldo positivo nel 2016: 82 crociere svolte durante la stagione aprile – ottobre e 4.206 passeggeri trasportati, contro le 32 crociere effettuate nel 2015 con circa 1.000 passeggeri trasportati. Il Comune di Cremona sta lavorando con gli armatori locali, la Camera di Commercio e i comuni cremonesi e piacentini rivieraschi per il potenziamento dell’attività sul fiume. Nel 2017 la flotta che sarà attiva raddoppierà aumentando l’offerta di itinerari fluviali e favorendo la visita intermodale del nostro territorio con la possibilità di effettuare percorsi con bici e barca. In quest’area, inoltre, presto aprirà il nuovo campeggio e si stanno portando avanti importanti ristrutturazioni.
Infine, una accurata e attenta analisi sulla capacità di Cremona di competere in ambito turistico richiede un’altra azione strutturale: il Comune di Cremona, la Provincia e la Camera di Commercio stanno attivando l’Osservatorio del Turismo. Questo strumento sarà deputato alla raccolta di tutti i dati disponibili e porterà ad una lettura più significativa e rappresentativa dell’attrazione turistica della città di Cremona e del suo territori”.

© Riproduzione riservata
Commenti