Cronaca
Commenta2

Piscine, Platé: 'Nel bando più garanzie per società nuoto e pallanuoto e monitoraggio'

“Fra pochi giorni verrà aperto un bando pubblico che ritengo molto attrattivo, in grado di dare garanzie ai fruitori. Ci saranno anche spazi aggiuntivi che saranno resi disponibili alla pallanuoto e agli altri sport, oltre al recupero della convertibile che significherà guadagnare spazi acqua per tutti”. L’assessore allo sport Mauro Platé ha anticipato qualche pillola di quello che sarà il futuro degli impianti natatori, davanti alla squadra di pallanuoto della Bissolati, che oggi è stata presentata in sala Consulta di palazzo Comunale. Domani in commissione sport verranno illustrati (a porte chiuse) i dettagli della proposta di Sport Management, aggiornata, per la gestione 25ennale degli impianti di piazzale Azzurri d’Italia. La proposta sarà alla base del bando di gara aperto ovviamente a tutte altre società operanti nel settore.

Poco si sa delle modifiche apportate al progetto originario risalente alla scorsa estate di SM, società che gestisce diversi altri impianti in tutta Italia, con esiti controversi, e che le realtà natatorie cremonesi temono in quanto diretta concorrente sul fronte agonistico. In questo senso Platé ha speso parole rassicuranti davanti a Maurilio Segalini, presidente della Bissolati (e dirigente di lungo corso in Comune): “Domani avremo un momento importante (in commissione) in cui andremo a presentare le modifiche proposte, sulle quali si costruirà il bando di gara e lo faremo insieme ai consiglieri. Il bando porrà molta attenzione alle esigenze delle squadre, pallanuoto inclusa, e parlo di numero di ore a disposizione, ore per allenamenti, spazi pre-gara, il tutto a prezzi calmierati. Sarà necessario avere il supporto di tutti gli attori per avere un monitoraggio più attento rispetto al passato. E’ importante che ci sia la collaborazione di tutti”. Finora le posizioni di  Comune e società di nuoto (la stessa Bissolati, e poi Baldesio e Flora) sono state lontanissime, tanto che queste ultime hanno minacciato l’abbandono in massa dell’impianto pubblico in caso di vittoria di SM. Ora resta da vedere se le modifiche apportate al project iniziale saranno davvero considerate soddisfacenti. “Lo sport è determinante per contrastare le difficoltà che si possono presentare, soprattutto nell’adolescenza – ha aggiunto Platé – anche per questo per noi le società sportive sono una grande risorsa, così come lo sono gli spazi. Gli impianti però hanno bisogno di grande attenzione e si devono trovare quelle forme che consentano di esercitarla”.

Oltre a Segalini erano presenti all’incontro il consigliere delegato al settore nuoto e pallanuoto della canottieri, Fabio Fedeli,  il tecnico della squadra, Fabio Fresia, il direttore Aldo Zambelli. Dopo i fasti di qualche anno fa, che hanno però lasciato pesanti strascichi nella società, la squadra della Bissolati milita ora in promozione e punta su giovani e giovanissimi, per farli crescere e gettare le basi di un futuro agonistico spendibile anche altrove. Una squadra che mette al centro lo sport come fattore educativo, elemento sottolineato anche dal sindaco Gianluca Galimberti. Lo stesso spirito che ha spinto anche Padania Acque, presente con il presidente Claudio Bodini, a fiancheggiare la Bissolati in questa avventura sportiva. Annunciato in questa occasione quello che sarà il leit motiv delle campagne educative di quest’anno per la società pubblica dell’acqua: eliminare il più possibile le bottigliette di plastica usa e getta dalle varie manifestazioni sportive. “Cercheremo di essere presenti in numerosi eventi sul territorio – ha detto – distribuendo borracce in vetro sintetico che potranno essere riutilizzate, raggiungendo un duplice scopo, quello di spostare le abitudini dall’acqua in bottiglia all’acqua di fonte e di rubinetto e di eliminare il più possibile la plastica dalla nostra provincia. Solo per la Maratonina di Cremona quest’anno, contiamo di far risparmiare qualcosa come 9000 bottigliette di plastica. Credo che sia un momento di grande civiltà”.

g.biagi

© Riproduzione riservata
Commenti