Commenta

Centro psico-sociale via
da viale Trento e Trieste
entro il 2017

E' l'ultima attività sanitaria rimasta nel complesso dell'ex Inam in fase di dismissione da anni. L'azienda ospedaliera ha inserito il suo trasloco (nell'ex villa Salus di via san Sebastiano) nel piano triennale delle performance.

Il Centro psico sociale lascerà entro l’anno la sede di viale Trento e Trieste per venire trasferito nell’edificio A del complesso di via S. Sebastiano, ex Villa Salus, dove da anni si stanno concentrando tutti i servizi socio sanitari, fino al 2015 gestiti dall’Asl ed ora passati di competenza dell’Asst, azienda socio sanitaria territoriale. Non è la prima volta che viene fatto l’annuncio, poi rimasto lettera morta, ma stavolta la nuova logistica viene ribadita nel Piano triennale della Performance 2017-2019 pubblicato da pochi giorni dalla stessa Asst, che prospetta anche altri spostamenti. Lo scopo, si legge, è quello “di ottimizzare i percorsi garantendo superfici adeguate alle esigenze delle Unità Operative coinvolte e conseguentemente rendere più efficiente l’attività”.

Del trasferimento del Centro psico sociale in via san Sebastiano si sta parlando da diversi anni, argomento che ha sempre suscitato preoccupazione e critiche da parte delle associazioni dei famigliari degli assistiti, che vedono nel trasloco nell’ex ospedale psichiatrico un ritorno al passato. Nel complesso dell’ex villa Salus inoltre si trova una struttura residenziale per malati psichiatrici, mentre il centro psico sociale rappresenta una porta d’accesso ai servizi, per chi soffre di stati d’ansia e depressione, oltre che problemi più gravi.

Lo stabile di viale Trento e Trieste dovrebbe quindi svuotarsi entro il 2017, completando un processo avviato con la chiusura degli ambulatori polispecialistici e poi del centro prelievi. E il grosso immobile di proprietà dell’azienda ospedaliera (Asst) resterà vuoto, in attesa di un improbabile destino a sede universitaria o più realisticamente ad una vendita.

Tra gli altri spostamenti logistici nel complesso ospedaliero di largo Priori, il piano della Performance cita anche Dermatologia, passato da un paio d’anni al piano interrato dell’edificio principale e già destinato ad un nuovo spostamento, al primo piano dove si trovava Senologia (oggi trasferita all’interno del Cancer center). Previsto inoltre sempre per quest’anno il trasferimento della UO di Chirurgia Multidisciplinare con sezione Chirurgia Vascolare dal piano 4 al piano 3 lasciato libero dopo il trasferimento di Ortopedia; la collocazione della UO di Radioterapia dal 2°  al 4° piano  nei locali lasciati liberi da Chirurgia Multidisciplinare con sezione Chirurgia Vascolare; lo spostamento di alcune attività afferenti alla ASST ereditate dall’ex Asl dagli edifici A e B di via San Sebastiano in edifici di proprietà ATS stessa ubicati sempre in altra area di via San Sebastiano.

g.biagi

© Riproduzione riservata
Commenti