Commenta

Il baskin, eccellenza
cremonese, approda
nelle scuole italiane

Il baskin, autentica eccellenza cremonese, si prepara ad approdare nelle scuole italiane. Il ministero dell’Istituzione dell’università e della ricerca e l’associazione Baskin hanno infatti firmato il protocollo d’intesa per far arrivare questo sport, 100% made in Cremona, nelle scuole. Un’attività sportiva che si ispira al basket ma pensato per permettere a giovani normodotati e disabili di giocare nella stessa squadra, rigorosamente di sesso misto. Il baskin permette la partecipazione attiva di giocatori con qualsiasi tipo di disabilità, fisica o mentale, che consenta il tiro in un canestro. Il protocollo, firmato tra Miur e associazione Baskin Onlus, vuole promuovere nelle scuole di ogni ordine e grado la pratica di questa attività in 13 regioni italiane, tra cui la Lombardia, in cui questo sport è già diffuso.
Recentemente l’associazione ha partecipato e vinto un bando promosso da fondazione Vodafone, OSO: Ogni Sport Oltre.
Il progetto, finanziato con 130mila euro, prevede lo sviluppo del baskin su tutto il territorio nazionale con un’ampia parte dedicata alla formazione dei formatori, degli allenatori e un’implementazione delle strutture e i materiali utili per la pratica di questo sport, come i palloni, i canestri laterali e le casacche con il doppio numero.
Dopo essere approdato in diverse parti d’Italia e d’Europa, il baskin oggi ha modo di continuare la sua crescita e il suo sviluppo anche nel sistema scolastico italiano.

© Riproduzione riservata
Commenti