6 Commenti

Maisons du Monde apre al
CremonaPo il 15 settembre
Tremano i negozi del centro

Maisons du Monde aprirà a Cremona, presso il Centro Commerciale CremonaPo, il 15 settembre. La data è ufficiale ed è una delle più attese dai consumatori e dagli utenti cremonesi: i lavori nello stabile dove una volta sorgeva Idea Verde Maschi proseguono frenetici con gli operai che, dopo aver perfezionato la parte esterna del capannone, sono alle prese con la parte interna. Dalla strada si vedono elevatori all’interno e figure professionali che seguono passo dopo passo il posizionamento di travi e scaffali. Una nuova apertura che piace ai cremonesi ma che fa tremare i negozi del centro che vedono Maisons du Monde come un elemento in più per attirare gente nel distretto commerciale che sorge attorno da via del Commercio.

Federica Bandirali

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Ronni

    Ma cosa scrivete… !! In centro non esistono negozi del genere …casomai come al solito tremano gli altri centri commerciali , …è ormai lotta fra dinosauri !! Anzi , fra i litiganti la città ne godrà ..!!

  • Fabrizio Lezio Lanzi

    Mi chiedo quale negozio del centro venda prodotti analoghi a Maison du Monde.
    I mobilifici artigianali offrono altri tipi di prodotti anche in termini qualitativi, altri negozi che vendano arredamento e accessori stile industriale – shabby chic non mi pare ne esistano.
    Questo articolo mette del marcio dove non ce ne deve essere poiché questa apertura non cambia le dinamiche nei confronti del centro cittadino e delle sue attività.
    Aggiungo come ormai urlo a squarciagola da tempo ma contro il nulla che il problema dei negozi del centro sarebbe a mio umile avviso risolvibile con una gestione oraria differente.
    Chi lavora a giornata (8.00-18.00) non ha fisicamente la possibilità di usufruire dei negozi del centro poiché seguono gli stessi orari…dovrebbero fare orari più congeniali e molti problemi se li risolverebbero da soli.

    • coD77

      Non possiamo tenere aperti i negozi al mattino per i pensionati, al pomeriggio per le casalinghe ed alla sera per i lavoratori…abbiamo una vita anche noi negozianti e non possiamo permetterci di pagare i dipendenti (chi ne ha) 24 ore al giorno.

      • Fabrizio Lezio Lanzi

        Sul fatto che i negozianti non possano permettersi 24h al giorno l’apertura poiché sarebbe troppo oneroso gestire dipendenti per farlo e poiché hanno una vita propria condivido in pieno.
        Resta però il fatto innegabile che spesso gli orari siano incompatibili con la grande fetta di acquirenti potenziali rappresentata dalle persone che lavorano a giornata (e sono statisticamente la maggioranza).
        Pertanto il mio discorso è quello di dire che ogni negozio di per se per stile, gamma prodotti, marchi, … si rivolga ad un target o all’altro di bacino di utenza.
        In base al target di clientela ognuno potrebbe gestire gli orari di apertura non sforando le 8h lavorative quotidiane.
        Per esempio se avessi un negozio di vestiario classico che si rivolge prettamente ai pensionati farei apertura 8.30-12.30 14.00-18.00 ma se avessi un negozio che si rivolge ad una clientela 18-40 anni farei apertura più congeniali tipo 10.00-13.30 16.00-20.00/20.30.
        in questo senso era il mio discorso…non fare h24 perché è antieconomico e comunque non produttivo per i commercianti stessi.
        In ogni caso Maison du Monde non va ad essere competitor di alcun negozio del centro…

  • Stante59

    Che si sbranino fra di loro…
    Se sei un commerciante che crede in quello che fa la concorrenza non fa paura..
    Il problema è l’accessibilità al centro storico. Possibile che non si capisca (a parte pochi) questa semplicissima questione?
    Gli orari sono un buon argomento; anni fa proposi nel breve periodo estivo l’apertura dalle 18 alle 22.30. GC……….

  • Sorcio Verde

    Quali negozi dovrebbero tremare che hanno già chiuso quasi tutti?
    Aumentiamo un po’ ancora le tariffe dei parcheggi, chiudiamo qualche strada ancora, così non verrà più nessuno in centro e andranno tutti alla COOP.
    GRAZIE GALIMBERTI! FAR MORTA LA CITTA’… MISSIONE COMPIUTA!