Un commento

Tribunale: insediato il giudice
Bersani, ultimo giorno
della presidente Marini

La presidente del tribunale Ines Marini con il nuovo presidente di sezione Bersani

Il giudice Bersani con il nuovo procuratore Roberto Pellicano

Si è insediato questa mattina il giudice Giuseppe Bersani, nuovo presidente della sezione penale del tribunale di Cremona. Alle 11 la cerimonia dell’immissione in possesso del nuovo magistrato davanti alla presidente del tribunale Ines Marini e ai giudici Maria Stella Leone e Francesco Sora. Presenti anche il nuovo procuratore Roberto Pellicano, i magistrati del tribunale e della procura, i rappresentanti dell’Ordine degli avvocati e il personale del tribunale. Il nuovo presidente di sezione va a ricoprire il ruolo che è stato dell’attuale presidente del tribunale di Parma Pio Massa. 53 anni compiuti il primo luglio, nato a Cortemaggiore, Bersani è sposato e ha due figli di 19 e 7 anni. Ha frequentato l’università a Parma e ha svolto l’uditorato a Milano ai tempi di ‘Mani pulite’. E’ stato pretore a Siracusa e nel 1998 è tornato a Piacenza dove ha lavorato per un anno nel civile per poi passare definitivamente al penale: per dieci anni è stato giudice di dibattimento, nel 2001 giudice fallimentare e dal 2010 giudice delle indagini preliminari. Il giudice Bersani conosce bene Cremona, dove ha frequentato ragioneria al Beltrami. “E’ lì che mi sono innamorato del diritto”. Sul tribunale: “Bellissimo, gestito benissimo, con l’organico dei giudici quasi completo. Certo, c’è il problema della carenza di personale amministrativo, un problema che riguarda tutti a livello nazionale, ma quello di Cremona è un ambiente ideale”. “Credo molto nel lavoro quotidiano”, ha aggiunto il nuovo presidente di sezione. “Non ci sono eroi, ma se tutti facessero il loro lavoro le cose andrebbero sicuramente meglio“.

Oggi è stato anche l’ultimo giorno della presidente del tribunale Ines Marini, che da venerdì sarà effettiva a Venezia come presidente della corte d’appello. “Dopo quattro anni a Cremona comincio un’altra avventura”, ha detto la presidente. “Quelli trascorsi a Cremona sono stati quattro anni meravigliosi, entusiasmanti, di intenso lavoro e di grandi cambiamenti: c’è stato l’accorpamento, il trasferimento nei nuovi locali, abbiamo abbattuto l’arretrato ultratriennale, e lo abbiamo fatto con scarsi mezzi. Insomma, è stato fatto tutto quello che si poteva fare”. Commossa, la presidente ha ringraziato tutto il suo staff di lavoro. “Hanno tutti dato il massimo, questo è un modello ideale a cui tendere”. Pensando al futuro, la presidente ha detto che “Venezia è una realtà difficile, in quanto c’è un organico di magistrati inadeguato al carico di lavoro, e poi per la logistica, perché gli uffici giudiziari sono sparsi in una pluralità di edifici sul territorio. Infine,il personale amministrativo insufficiente. Ma comincio una nuova avventura, e la affronto con entusiasmo e anche con speranza”.

Sara Pizzorni

Da sinistra i giudici Maria Stella Leone e Giuseppe Bersani, la presidente Marini e il giudice Francesco Sora

La presidente Marini e il giudice Bersani al centro con i giudici, gli avvocati e il personale del tribunale

 

© Riproduzione riservata
Commenti