Commenta

Gerre Borghi, finalmente
la fognatura: progetto
preliminare entro fine 2017

Fognature in foto d'archivio

Senza collettamento fognario, a Cremona città, c’è solo l’1% della popolazione residente, ma presto anche questa quota si azzererà. Entro fine 2017 è prevista la progettazione preliminare per raggiungere la frazione di Gerre Borghi, cento residenti in tutto, sparsi in diversi cascinali, che da tempo richiedono l’intervento. Una frazione un po’ dimenticata, quasi più una propaggine di Gerre de Caprioli e di Bonemerse, piuttosto che del capoluogo, a cui comunque Cremona ha deciso di porre maggiore attenzione. L’ultimo di una serie di incontri tra addetti ai lavori e residenti, si è svolto la scorsa settimana nella sede di Padania  Acque, insieme all’assessore Alessia Manfredini e al dirigente dei Lavori Pubblici Marco Pagliarini. Lo staff comunale e quello di Padania hanno dato avvio per la prima volta ad un progetto di fattibilità, con l’obiettivo di arrivare alla stesura del progetto preliminare entro dicembre. Il progetto sarà fatto internamente dai tecnici dell’azienda dell’idrico e verrà approvato dalla Giunta di Cremona. Un progetto che dovrà tenere conto  di pendenze, lunghezze, espropri, decisamente costoso se commisurato alla popolazione raggiunta, si parla di oltre 600.000 euro. Ma la volontà politica stavolta sembra esserci davvero.  La stessa assessore Manfredini, durante l’ultimo seduta del Cda dell’Ato (l’ente pubblico che programma gli interventi all’interno del Piano d’Ambito) ha portato questo indirizzo condiviso e costruito con il gestore, definendolo una priorità importante per il comune.

Gerre Borghi anni fa era stata allacciata all’acquedotto cittadino, ma restava da risolvere il problema fognature, sia al fine di evitare le multe UE per le infrazioni sugli scarichi sia per migliorare la situazione ambientale. Rispondendo ad un’interrogazione del compagno di partito Luigi Lipara, consigliere Pd che sollecitava l’intervento a Gerre, Manfredini aveva riepilogato la situazione cremonese: circa 800 – 900 i residenti (l’1% della popolazione) ancora sprovvisti del collettamento fognario, nelle zone di Gerre Borghi (42 abitanti nel nucleo centrale, 70 in tutto comprese le abitazioni più distanti); Crocetta, lungo via Bergamo al confine con Castelverde (45 abitanti); le vie Bosco, Bonisolo, Ossalengo e Porcellasco; le località cascine Gazzolo e Gazzoletto, tra San Felice e San Savino, circa 25 residenti in tutto.

Due volte, il 10 novembre 2014 e il 26 febbraio 2016, una delegazione di residenti di Gerre Borghi si era incontrata con tecnici, assessori Manfredini e Virgilio, a.d. di Padania Acque Lanfranchi, per capire i tempi di realizzazione. Ora per la prima volta c’è una data e un impegno preciso.

Giuliana Biagi

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti