Commenta

Fracci e Toromani sulle note
dello Stradivari Berthier 1716
per la terza serata del Festival

Tutto esaurito all’Auditorium Arvedi per lo spettacolo in prima assoluta “Danza e musica per Stradivari”, sabato 30 settembre alle 21, con protagoniste Carla Fracci e Anbeta Toromani, sulle note dello Stradivari Maréchal Bertier 1716 suonato da Anna Tifu. Lo spettacolo è il terzo in cartellone dello StradivariFestival, aperto la scorsa settimana dal concerto – evento di Sergej Krilov. “Danza e musica per Stradivari”, ideato da Beppe Menegatti, vedrà la celebre étoile danzare su musiche da Bach – con la celebre “Ciaccona in re minore” – a Berio. L’attore Lorenzo degl’Innocenti terrà il filo della narrazione attraverso citazioni letterarie da Dostoevskij ad Alda Merini.

Per questo speciale ritorno sulle scene, Carla Fracci avrà al suo fianco i primi ballerini Anbeta Toromani e Alessandro Macario, oltre a un cast di giovani provenienti dalle compagnie Dansepartout e Dancestudio, tra i quali Domenico Pisapia, Giordano Bozza, Paolo Buonfiglio, Raffaele Vasto e Antonio Leone.
Coreografie a cura di Luc Bouy, danzatore e coreografo belga che in Italia ha lavorato presso i più importanti teatri, mentre maestri di ballo sono Bruno Vescovo, già ballerino del Teatro alla Scala, e Gaetano Petrosino, coordinatore del corpo di ballo dell’Arena di Verona.
Anbeta Toromani, dopo avere preso parte ad “Amici”, ha intrapreso una carriera di prestigio sulle tavole teatrali in Italia e all’estero e recentemente è stata invitata a danzare allo Sferisterio di Macerata nel Macbeth, con la regia di Pier Luigi Pizzi e le coreografie di Gheorghe Iancu, e nella Carmen, con la regia del Premio Oscar Dante Ferretti e le coreografie di Gheorghe Iancu. Alessandro Macario, dopo avere frequentato la scuola del San Carlo di Napoli, nelle ultime stagioni è stato protagonista di importanti spettacoli come Coppelia coreografata da Roland Petit e lo Schiaccianoci di Amedeo Amodio, allestiti sui principali palcoscenici italiani.

© Riproduzione riservata
Commenti