Commenta

Cosa fare in caso di alluvione
o terremoti: Protezione civile
in piazza Marconi

foto Sessa

Cosa si deve fare in caso di alluvione o terremoto, quali punti della città ci raccontano come si è evoluto il territorio in rapporto al corso del grande fiume, come proteggersi in caso di eventi calamitosi, e molto altro. E’ iniziata questa mattina in piazza Marconi, e proseguirà per tutta la giornata fino alle 18, persino con percorsi di ‘ciclotrekking’ in città, la giornata “Io non rischio”, evento voluto alla Protezione Civile nazionale per informare la popolazione sui rischi naturali e su come evitarne gli effetti più disastrosi. In piazza Marconi sono allestiti stand e spazi dimostrativi con la collaborazione di 42 volontari di otto organizzazioni di Protezione Civile cremonesi, coordinati dall’Amministrazione provinciale, a disposizione per divulgare ed informare sulle Buone Pratiche di Protezione Civile.

Tre le aree allestite: Area Alluvione: le linee del tempo e tutto il materiale fornito dal Dipartimento di Protezione Civile Nazionale; Area Terremoto; Area Bimbi: giochi da tavolo e piccole dimostrazioni legate al rischio alluvione e terremoto. Ai bambini verranno rilasciati attestati di partecipazione.
Di fianco ai gazebi è stata riprodotta una stanza di un’abitazione, opportunamente arredata, con lo scopo di sensibilizzare la cittadinanza ai rischi presenti nelle abitazioni e al fine di promuovere l’adozione di un piano di emergenza familiare. Nel pomeriggio, dalle 15 alle 17,30 circa, pedalata informativa di 11 km dal centro città al lungo Po per conoscere i punti strategici da cui si può osservare la morfologia  del territorio, dai punti sopraelevati (chiesa S. Omobono, san Pietro, S. Michele, per concludere in piazza Duomo) fino agli idrometri ‘storici’ sul lungoPo.

g.biagi

© Riproduzione riservata
Commenti