Un commento

La violentarono a turno
dopo la serata al pub: 3 anni
a ciascuno dei due imputati

Il giudice Letizia Platè

Colpevoli di violenza sessuale. Il gup Letizia Platè ha condannato l’ex titolare di un pub di Cremona, un italiano, e il suo amico coinquilino brasiliano per aver violentato a turno una ragazza cremonese cliente del locale nella loro casa. Entrambi gli imputati sono stati processati con il rito abbreviato e condannati a tre anni ciascuno. I due, processati con il rito abbreviato, sono stati anche condannati a risarcire la parte civile con una provvisionale di 10 mila euro ciascuno. Per ciascuno, il pm Lisa Saccaro aveva chiesto una pena di quattro anni. Loro si sono sempre difesi dicendo che la giovane era consenziente.

La sera della violenza, la ragazza era al pub con delle amiche che alla fine della serata erano rientrate a casa. Lei era rimasta da sola. Aveva bevuto troppo, così aveva chiesto un passaggio ai due uomini, che lei conosceva. Era convinta che l’avrebbero accompagnata a casa sua, ma le cose non erano andate così: i due, infatti, l’avevano invece condotta nel loro appartamento dove a turno l’avevano violentata. Disperata, la giovane era poi riuscita a chiudersi in bagno dove con il telefonino aveva inviato un messaggio ad un amico chiedendo di andarla a prendere. Aveva aspettato che i due uomini si addormentassero per fuggire.

La ragazza era stata poi accompagnata in ospedale e subito dopo dai carabinieri a raccontare la sua serata da incubo. Sul caso, la procura aveva chiesto l’archiviazione per due volte. La prima volta la richiesta l’aveva respinta il gip Guido Salvini, ordinando un supplemento di indagine, mentre la seconda il gip Christian Colombo ha disposto l’imputazione coatta. Alla fine il caso è arrivato davanti al gup Letizia Platè che oggi ha pronunciato la sentenza di condanna. La motivazione sarà depositata entro 60 giorni.

Sara Pizzorni

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti
  • Mirko

    Violenza sessuale…15 anni e al brasiliano finito la pena a casa sua….se piano piano tutti gli extracomunitari che fanno reati li rispediamo a casa in breve tempo siamo a posto, abbiamo già gli italiani che fanno cazzate ci mancano appena gli altri