12 Commenti

Corso Garibaldi cambierà volto
Finanziata la nuova
pavimentazione in pietra

Il Comune di Cremona si è dotato di un nuovo piano delle opere pubbliche, triennio 2018-2020. Il documento di programmazione è stato adottato dalla giunta ed è ora in pubblicazione all’albo, quindi dovrà essere approvato dal Consiglio Comunale. Cambia la cifra complessiva per l’annualità 2018: 11 milioni di euro nel precedente Piano 2017/2019, poco meno di 18 milioni (17.999.000) in quello appena varato. Complessivamente nel triennio sono previste opere per 36,4 milioni, mentre nel triennio precedente la cifra si fermava a 32,5 milioni. Per la prima volta nell’annualità 2018 compare un cospicuo finanziamento alla voce manutenzione straordinaria strade e marciapiedi, con esplicito riferimento all’utilizzo della pietra e anche a corso Garibaldi. Forse sarà la volta buona per l’attesa pavimentazione di pregio nell’ultima nata tra le aree pedonalizzate. Un milione e 535mila euro la cifra a disposizione per il 2018; 1,1 milioni nel 2018 e 1,3 nel 2020, per un totale complessivo nel triennio di poco meno di 4 milioni di euro. Il progetto per la rimozione dell’asfalto da corso Garibaldi è pronto già da tempo negli uffici comunali.

Altra novità rispetto alla precedente programmazione è la realizzazione della nuova piastra sopraelevata per raddoppiare il parcheggio di via Dante a lato del cavalcavia del cimitero: 1,2 milioni per il 2019. Il capitale dovrebbe metterlo non direttamente il Comune ma una delle sue società. Spiccano poi 7 milioni di euro per la riqualificazione del quartiere San Felice, per cui il Comune ha vinto un bando statale presentando un proprio progetto; 470mila euro per avviare il recupero di palazzo Grasselli. Continua anche l’impegno nella manutenzione straordinaria dei solai scolastici (elementari Stradivari e Trento e Trieste, entrambi nel 2020) e di palestre (scuola media Vida, 200mila euro tra 2019 e 2020); oltre alla rimozione dei pavimenti in vinile amianto (media Vida, 441mila euro nel 2020). Un milione e 200mila sono destinati nell’arco del triennio agli adeguamenti antisismici in scuole e palazzi pubblici; 600mila euro alla normativa anti incendi. Ci sono poi le quattro piste ciclabili cofinanziate dall’UE (690mila euro stanziati per il 2018, 1 milione 610mila per il 2019), mentre il discusso parcheggio di via Lungastretta Giordano, prima suddiviso in tre annualità, viene tutto finanziato nel 2019 con 600mila euro.

g.biagi

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Ronni

    Sperum!!

    • Mirko

      1 milione di qui un milione di là e via giunta Onassis….e noi paghiamo tra l altro l asfalto era stato fatto poco tempo fa quindi doppia spesa

      • Ronni

        Se non investono non arrivano negozi…e le tasse le paghiamo solo noi !! Dalle vendite online a cremona non arriva nulla (e nemmeno in Italia ) le Coop si sa….gli ipermercati sono società estere …

        • Mirko

          Sull abbassare le tasse sono pienamente d’accordo con te ma rifare la strada per me non ha senso a fronte di una spesa del genere

  • giancarlo pasquale

    Nooooo, diventerà una tortura andare in bicicletta? Come in corso V. Emanuele!

  • Sorcio Verde

    Quindi 4 milioni di euro per rifare una pavimentazione di poche centinaia di metri .
    IGGA!!
    Poi continuano a dire che non ci sono soldi…

  • Gianluca

    Pavimentazione di pregio = negozi di pregio. Peccato per metà siano chiusi. Quindi? Investiamoli diversamente.

  • Maumaro

    Fatemi capire: non ci sono i soldi per un’opera necessaria come la strada sud e li cacciano via per questo?

  • Manrico Maci Clerici

    Credo che la priorità vada ai quartieri, dove la manutenzione va effettuata ad edifici ( parti esterne ) e alloggi interni ( di proprietà del Comune ). Non viene eseguita come si deve da anni e anni e molti residenti sono costretti a vivere tra muffa e al freddo, specie famiglie con bambini e anziani con problemi motori. La pavimentazione sul corso Garibaldi non credo che attiri di più i turisti o che vengano da ogni parte del mondo a vederla. E poi informate i cittadini che non vi sono soldi e che è tutto bloccato perfino per un cambio alloggio???? Vi starebbe bene che tutti i cittadini iniziassero da domani a non pagare più nulla.

    • Ronni

      Si però con tutto il rispetto ma per fare la sacrosanta manutenzione ci vogliono le tasse , e chi le paga ? La pavimentazione non deve attirare turisti ma attività , negozi , servizi che a loro volta devono attirare non turisti ma consumatori per produrre reddito e pagare tasse !! I centri commerciali stanno facendo impoverire tutte le città d’Italia ….e sa perché ? Perché pagano come quanto è quello che vogliono , sono potenti e spesso i comuni ormai sono loro succubi….!!

  • Ronni

    Se non investono sulla città e non arriveranno soldi dal commercio resta solo mettere autovelox assumere vigili x multe e aumentare le tasse x tutti….!! I centri commerciali sanno difendersi benissimo dal fisco e l’online è offshore . Non ci sono negozi di pregio perché la città fa schifo e quei pochi negozi di pregio rimasti funzionano benissimo gli altri chiudono…a parte le solite catene da due euro al pezzo !!

  • roberto

    Pavimentazione in pietra??
    Condivido poco questa idea, anche perchè la pavimentazione che c’è va più che bene, ma se proprio è da fare (prestiglio.. mah..) che non facciano quella PORCHERIA che hanno creato in Corso Vittotio Emanuele! Per cortesia fate un piano UNIFORME!!!