Ultim'ora
12 Commenti

Corso Garibaldi cambierà volto
Finanziata la nuova
pavimentazione in pietra

Il Comune di Cremona si è dotato di un nuovo piano delle opere pubbliche, triennio 2018-2020. Il documento di programmazione è stato adottato dalla giunta ed è ora in pubblicazione all’albo, quindi dovrà essere approvato dal Consiglio Comunale. Cambia la cifra complessiva per l’annualità 2018: 11 milioni di euro nel precedente Piano 2017/2019, poco meno di 18 milioni (17.999.000) in quello appena varato. Complessivamente nel triennio sono previste opere per 36,4 milioni, mentre nel triennio precedente la cifra si fermava a 32,5 milioni. Per la prima volta nell’annualità 2018 compare un cospicuo finanziamento alla voce manutenzione straordinaria strade e marciapiedi, con esplicito riferimento all’utilizzo della pietra e anche a corso Garibaldi. Forse sarà la volta buona per l’attesa pavimentazione di pregio nell’ultima nata tra le aree pedonalizzate. Un milione e 535mila euro la cifra a disposizione per il 2018; 1,1 milioni nel 2018 e 1,3 nel 2020, per un totale complessivo nel triennio di poco meno di 4 milioni di euro. Il progetto per la rimozione dell’asfalto da corso Garibaldi è pronto già da tempo negli uffici comunali.

Altra novità rispetto alla precedente programmazione è la realizzazione della nuova piastra sopraelevata per raddoppiare il parcheggio di via Dante a lato del cavalcavia del cimitero: 1,2 milioni per il 2019. Il capitale dovrebbe metterlo non direttamente il Comune ma una delle sue società. Spiccano poi 7 milioni di euro per la riqualificazione del quartiere San Felice, per cui il Comune ha vinto un bando statale presentando un proprio progetto; 470mila euro per avviare il recupero di palazzo Grasselli. Continua anche l’impegno nella manutenzione straordinaria dei solai scolastici (elementari Stradivari e Trento e Trieste, entrambi nel 2020) e di palestre (scuola media Vida, 200mila euro tra 2019 e 2020); oltre alla rimozione dei pavimenti in vinile amianto (media Vida, 441mila euro nel 2020). Un milione e 200mila sono destinati nell’arco del triennio agli adeguamenti antisismici in scuole e palazzi pubblici; 600mila euro alla normativa anti incendi. Ci sono poi le quattro piste ciclabili cofinanziate dall’UE (690mila euro stanziati per il 2018, 1 milione 610mila per il 2019), mentre il discusso parcheggio di via Lungastretta Giordano, prima suddiviso in tre annualità, viene tutto finanziato nel 2019 con 600mila euro.

g.biagi

© Riproduzione riservata
Commenti