Commenta

Pareggio spettacolare
allo Zini: Cremonese-Perugia
si conclude 3-3

Fotoservizio Francesco Sessa

Cremonese – Perugia 3-3

Cremonese (4-3-1-2): Ujkani; Almici, Claiton, Marconi, Renzetti; Arini, Pesce (dal 25’st Brighenti), Cavion; Piccolo (dal 17’st Castrovilli); Scappini (dal 4’st Mokulu), Paulinho. All. Tesser.
A disp.: Ravaglia, Procopio, Croce, Perrulli, Scarsella, Macek, Cinelli, Garcia Tena.
Perugia (4-3-1-2): Nocchi; Zanon, Dossena, Belmonte, Pajac; Bandinelli, Bianco, Brighi (dal 25’st Emmanuello); Han (dal 34’ Mustacchio); Di Carmine, Cerri (dal 15’st Bonaiuto). All. Breda.
A disp.: Santopadre, Casale, Choe, Berci, Falco, Terrani

Arbitro: Antonio Di Martino della sezione di Teramo, coadiuvato dagli assistenti Marco Bresmes di Bergamo e Michele Grossi di Frosinone. Quarto ufficiale Matteo Gariglio di Pinerolo.

Gol: 22’ Dossena, 30’ Zanon (autogol), 3’st Di Carmine, 27’st Paulinho, 35’st Di Carmine, 41’st Paulinho (r)
Ammoniti: Brighi, Pesce, Cerri, Cavion, Bandinelli, Zanon, Claiton
Corner: Cremonese 6, Perugia 5

Per la 12ª di Campionato allo Zini arriva il Perugia, squadra in crisi, guidata da Roberto Breda che in settimana era stato chiamato a sostituire l’esonerato Federico Giunti. Gli umbri scendono in campo cn un 4-3-1-2 con il nordcoreano Han nell’inedita posizione di trequartista dietro alle due punte Di Carmine e Cerri. Novità anche nelle file della Cremonese con Scappini in campo fin dal primo minuto a far coppia con Paulinho. Per il resto da segnalare solo il rientro di Pesce davanti alla difesa. In panchina siede Croce che torna disponibile dopo l’infortunio di Bari.
Al 12’ un gran tiro di Bianco dalla distanza sfiora la traversa. Al 22’ Perugia in vantaggio di Dossena che di testa batte Ujkani sugli sviluppi di un corner battuto da Pajac. Al 25’ punizione pericolosa di Pajac, di poco alta. La Cremonese trova il pareggio alla mezz’ora su una punizione battuta da Piccolo dalla destra, sfiora Paulinho, tocca Zanon e la palla finisce in rete. Al 42’ colpo di testa di Paulinho deviato in corner. Squadre negli spogliatoi dopo un minuto di recupero.

Pronti via e il Perugia torna in vantaggio in contropiede con Di Carmine che in posizione di sospetto fuorigioco trafigge Ujkani. Proteste della squadra di Tesser. Al 16’ ci prova Paulinho di testa ma trova l’esterno della rete. Al 27’ arriva il pareggio, ancora una magia di Paulinho rimette tutto in parità: il giocatore stoppa il pallone e in rovesciata, completamente sbilanciato, trova l’angolino su cui non può arrivare Nocchi. Cremonese ora tutta in avanti alla ricerca della vittoria. Al 34’ ci prova Cavion dalla distanza ma il suo tiro sfiora il palo. Un minuto dopo torna in avanti il Perugia con Di Carmine che tocca in rete un cross dalla sinistra di Pajac. Al 41’ Mustacchio svirgola un pallone in area e tocca di mano, per l’arbitro è rigore, batte Paulinho e riporta i giochi in parità. Ci prova anche Castrovilli al 90’ ma il suo tiro è di poco a lato. Finisce 3 a 3 dopo 5’ di recupero.

 

Cristina Coppola

© Riproduzione riservata
Commenti