6 Commenti

Bonali a Fasani: 'Con strada
sud più auto di oggi attorno
a via Giordano'. Ecco i numeri

Le simulazioni di traffico (n.veicoli/ora) contenute nello studio relativo al progetto di strada sud del 2012

Studi, dati, flussi di traffico, date che si accavallano e che dimostrano quanto affondi nel tempo il dibattito sulla strada sud. Ed è anche botta e risposta tra due amministratori che stanno dalle parti opposte della barricata, politicamente schierati ma anche addetti ai lavori, uno architetto, l’altro ingegnere. Da una parte  Federico Fasani sostenitore dell’utilità della strada sud, dall’altra Filippo Bonali, che prima di diventare consigliere nella lista Sinistra per Cremona Energia Civile, era stato tra gli attivisti del comitato No Strada Sud. “Fasani – è la replica di Bonali all’attacco di questa mattina –  continua a infervorarsi per la strada sud, lo stesso fervore che gli ha fatto porre poca attenzione alle mie parole durante l’assemblea in via Giordano. Ho parlato degli studi del 2005-2007-2008 che mi studiai attorno al 2011 insieme al comitato No Strada Sud. E la dimostrazione è negli articoli di giornale del 13 settembre 2011 quando presentammo le nostre osservazioni al pubblico. Quindi era impossibile che già vi fosse lo studio del 2012”. In altri termini: lo studio a cui si riferiva Bonali nell’ultima assemblea del quartiere non era quello del 2012 contestuale al progetto preliminare di Centropadane, con dati di traffico aggiornati, ma versioni precedenti e non più in linea con le mutate condizioni della viabilità.

“Quello studio – continua Bonali riferendosi al documento del 2012 – nacque solo dopo le enormi pressioni fatte dal comitato all’Amministrazione che dimostravano come gli studi precedenti sembrassero parziali e come fossero mutate le condizioni infrastrutturali della città e le ipotesi sottese allo studio (ad esempio un fantomatico aumento di popolazione, e tante infrastrutture mai realizzate). Le stesse condizioni che già oggi sono di nuovo mutate rispetto allo studio del 2012 (ad esempio l’apertura di un attrattore di traffico come il parcheggio di Piazza Marconi e una ZTL attiva e poi cambiata, giusto per fare due esempi abbastanza evidenti).

Ci si domandava come si potesse aver approvato un preliminare da milioni di euro con un studio che sembrava zoppo.

A proposito di ‘cose fastidiose’ come le chiama lui, i cittadini in quella giornata del 13 settembre 2011 (quando il Comitato No Strada Sud propose le sue alternative al progetto)  domandavano come mai gli amministratori fossero impegnati a fare l’aperitivo inaugurale al Continental senza mandare nessuno di loro, nemmeno Bordi contrario alla strada sud, a SpazioComune ad ascoltare dei semplici cittadini che si erano impegnati a fare quello che non avevano fatto loro, cioè leggersi le carte. L’intento di allora era di sollevare delle domande agli amministratori, dei dubbi su quello che avevamo letto per chiedere conferme o smentite, ma non ricevemmo alcuna risposta.

Per il resto ormai la discussione sulla strada sud è lanciata a tutta velocità con le più fantasiose teorie, ma il famoso studio del 2012 cosa dice? Dice tante cose a quanto pare, ma un dato che non mi pare emergere è che chi vuole meno auto in via Giordano si trova attualmente tra le 8 e le 9 di mattina con 1200 auto/ora che passano davanti a casa e invece in futuro si troverebbe accerchiato da 2300 auto: 800 davanti e 1500 dietro.  In viale Po si avrebbe un + 42%, in via Navaroli davanti all’asilo un +660% (seicentosessanta), e alla fine di via Giordano (zona porta Mosa) quasi nessuna variazione.

Potete vedere un paio di immagini estratte dalle tavole della relazione finale con aggiunti degli zoom sui numeri piccoli.

Anche di questo chiedo conferma ai tecnici comunali. E’ corretto quello che leggo sulle tavole allegate?”

Infine, la stoccata finale a Fasani: “Domanda per il consigliere: lo spazio di cui parla in via Mantova dedicato a sport e tempo libero non era per caso per un nuovo palazzetto? Forse l’avrebbe fatto con prati di margherite senza nemmeno un parcheggio?”

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti
  • antonio1956

    Le 800 auto case davanti casa potrebbero essere limitate con un senso unico in via del Giordano e un altro in via Cadore. Quelle 1500 dietro casa potrebbero essere “filtrate” da un filare di piante lungo la carreggiata della nuova strada sud.

    • antonio1956

      Ed è comunque stucchevole il botta e risposta tra le diverse forze politiche. Che sembrano più interessate a far valere l’ “avevo ragione IO” che risolvere i problemi della città. E’ un contraddittorio di alto spessore, provinciale.

      • me

        Non sono d’accordo con la strada sud ma quoto in pieno questo secondo intervento! Sono mesi che si accusano e basta. Direi quasi che sono già in campagna elettorale….ma d’altro canto questo è il fare politica di oggi…

  • Sorcio Verde

    Tanti numeri ipotetici su una strada sud che non esiste, quindi poco credibili, ma cosa più grave, il caro consigliere dimentica qualsiasi cenno al costruendo CONAD di cui la sua maggioranza ha autorizzato l’apertura. Quante ulteriori auto porterà in zona Via Giordano? Hanno fatto qualche studio gli “scrupolosi” consiglieri e attuali amministratori?
    Continuando di questo passo il PD e la sinistra seguendo le loro fantomatiche ideologie e non analizzando la cruda realtà finiranno con l’autodistruggersi, anzi visti i recenti risultati direi che lo hanno già fatto…

    • Marco

      La cruda realtà? 30 minuti di viabilità congestionata al giorno e un inquinamento sostanzialmente uguale alle altre strade principali della città.
      La strada sud è una non-necessità.
      Dove sono i numeri a supporto di chi è favorevole? Da nessuna parte.
      La vera cruda realtà è rappresentata da gente che vuole fare affari a spese del territorio e dei cittadini, e la cui ultima preoccupazione è il loro reale benessere.

      • Sorcio Verde

        La domanda non è rivolta a te, fattene una ragione, vai un po’ in bici che piove e ti rinfreschi le idee.