Economia
Commenta

Agroalimentare, accordo Timac, Consorzio Agrario e Consorzio C.sco Pomodoro

Un accordo di partenariato fra tre importanti player del settore agroalimentare per rafforzare e migliorare la produzione del pomodoro da industria, sempre più eccellenza del made in Italy. Lo hanno siglato Timac Agro Italia, società leader mondiale nel campo dei fertilizzanti del Gruppo Roullier (presente in Italia con stabilimenti a Ripalta Arpina e Barletta), il Consorzio Agrario di Cremona, uno dei principali attori del panorama distributivo nazionale e leader nel settore della mangimistica, e il Consorzio Casalasco del Pomodoro, il più grande produttore di pomodoro in Italia, con oltre 550.000 tonnellate di pomodoro fresco trasformato all’anno e presente sul mercato con i famosi marchi Pomì e De Rica (da poco entrata a far parte del gruppo lombardo).

Sulla base dell’accordo, Timac Agro Italia svilupperà insieme ai suoi partner nuovi fertilizzanti ideati per migliorare la produttività e la qualità della coltivazione di pomodoro, avvalendosi della propria rete di esperti agronomi, delle innovazioni derivanti dall’attività del Centro Mondiale dell’Innovazione Roullier (il più grande centro di ricerche privato d’Europa dedicato alla nutrizione, inaugurato dal gruppo francese a Saint Malo nel 2016) e della preziosa esperienza sulla coltura sviluppata dai servizi tecnici del Consorzio Casalasco del Pomodoro e del Consorzio Agrario di Cremona. Produttività, qualità e rispetto per l’ambiente sono gli assi di sviluppo di questa sinergia.

“Esprimendo soddisfazione per questo accordo – dichiara Paolo Voltini, presidente del Consorzio Casalasco del Pomodoro e del Consorzio Agrario di Cremona – sottolineo l’impegno di tutta la filiera nel dare una risposta positiva alla necessità dei soci di disporre di prodotti e linee tecniche all’avanguardia, atte al miglioramento qualitativo e quantitativo delle coltivazioni nel rispetto dell’ambiente e a tutela della sostenibilità. Questo vuole essere solo il primo passo in un percorso di collaborazione strategica con partner qualificati, al fine di avere concrete risposte in campo”.

“Siamo molto orgogliosi – dichiara Pierluigi Sassi, amministratore delegato di Group Roullier Zone Italie – di poter contribuire, con il nostro know-how e i risultati del nostra attività di ricerca e innovazione, allo sviluppo della produzione di pomodoro in Italia, da sempre punto di riferimento e di eccellenza in tutto il mondo”.

 

© Riproduzione riservata
Commenti