Un commento

Viabilità Giordano-Cadore,
comitati: 'Il Comune
risponda al nostro appello'

Ancora nessuna risposta ufficiale da parte dell’amministrazione comunale ai ben sette comitati di quartiere che oltre un mese fa avevano inviato una lettera all’amministrazione comunale sulla situazione viablistica del comparto Giordano-Cadore, chiedendo chiarimenti in merito alle azioni in campo per migliorare le cose.

La missiva – che era firmata con i nomi dei presidenti di ben sette quartieri: del Quartiere 9 (Giordano-Cadore), Maria Cristina Arata, del Quartiere Po, Maria Luigia Bernuzzi, del quartiere Centro, Paolo Marcenaro, del quartiere Boschetto-Migliaro, Gianni Tamburini, del Quartiere 5 (Borgo Loreto – S. Bernardo – Naviglio), Silvia Belicchi, del Quartiere 11 (Cascinetto-Villetta-Concordia), Rosa Maria Grazia Tozzi, del Quartiere 15 (Bagnara – Battaglione – Gerre Borghi), Luciano Losi – era stata inviata il 1º dicembre, ma ne erano seguite “solo dichiarazioni a mezzo stampa” evidenzia Maria Grazia Tozzi.

Insomma, nessuna risposta né convocazione per un incontro è pervenuta ai presidenti dei comitati. “Abbiamo avuto pazienza perché c’erano di mezzo le festività, ma ora siamo in attesa di essere convocati” evidenzia Maria Cristina Arata. “La situazione viabilistica del comparto è sempre pesante. La situazione del traffico intenso è inoltre destinata a peggiorare con il parcheggio che verrà costruito alle spalle del colorificio Piccioni ed il supermercato Conad nell’area ex Snum”.

Anche per questi motivi una risposta tempestiva diventa particolarmente urgente, secondo i comitati. Tanto che, “Se entro 10 giorni non riceveremo risposte e una convocazione per un incontro, presenteremo una ulteriore richiesta formale” conclude Arata.

LaBos

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti
  • Illuminatus

    Non rispondono perché non sanno cosa dire. Ma poiché ci saranno le elezioni, potranno PROMETTERE di escogitare una soluzione, salvo poi continuare a non fare nulla. Inceneritore docet…