Commenta

Pomì-Filottrano, la trasferta
più lunga con
lo sguardo ai play off

Nella settima giornata di ritorno della Samsung Galaxy Volley Cup Serie A1 Femminile la VBC Pomì Casalmaggiore affronta la trasferta più lunga del campionato e si dirige verso Osimo (Ancona) per affrontare, domenica 4 Febbraio 2018 alle ore 17.00 in diretta LVF TV, la Lardini Filottrano, cenerentola del campionato che però non pochi grattacapi ha dato nelle ultime giornate alle big, soprattutto tra le mura amiche del Pala Baldinelli dove sono cadute al tie break la Unet E-Work Busto Arsizio e la Igor Gorgonzola Novara. Arbitrano i signori Rolla e Saltalippi.

Le ragazze di Casalmaggiore vogliono continuare e consolidare il trend positivo delle ultime due partite (in Ungheria nella trasferta di Coppa Cev ma soprattutto quella della vittoria casalinga contro Firenze) per raggiungere l’obiettivo play off, per nulla distante, così coach Cristiano Lucchi, capitan Jovana Stevanovic e compagne sanno benissimo che questa è una partita importantissima e che stanno preparando nel migliore dei modi con tutte le giocatrici a roster, vista la rapida ripresa di Martinez. Il tecnico di Cesenatico quindi potrà affidarsi al palleggio di Leo Lo Bianco, ad Annie Drews opposto, alla coppia centrale formata da Stevanovic e Guiggi, al libero Imma Sirressi ed a due tra Martinez, appunto, Starcevic, Balkestein-Grothues e Guerra. Sugli attenti tutte le back lines a disposizione: Giulia Rondon, Valentina Zago, Marina Zambelli e Francesca Napodano pronte a dare il loro importantissimo supporto e apporto.

“Ci stiamo godendo questa settimana “lunga” – dice coach Lucchi – dopo 20 giorni molto intensi fra partite di campionato, coppa e lunghi trasferimenti. Una settimana che ci permette di recuperare qualche acciacco e di preparare al meglio la gara contro Filottrano. Squadra che ha dimostrato in questo ultimo mese tanta crescita mettendo sempre in difficoltà le squadre che ha incontrato. Sarà una gara molto impegnativa e fondamentale per il nostro campionato. Dovremmo essere pronte e gestire al meglio tutte le situazioni con la massima aggressività e qualità di gioco, cosa che abbiamo fatto contro Firenze portando a casa una grande vittoria. Su questo stiamo lavorando e stiamo mettendo tanta attenzione in allenamento per trovare quella continuità di gioco che in partita ancora troppo spesso manca. Dobbiamo evere pazienza e continuare a lavorare fiduciosi dei nostri mezzi e delle grandi qualità che questa squadra ha, dimostrando di andare in un campo difficile come quello di Filottrano e venir via con una bella vittoria”.

LE AVVERSARIE – Coach Giuseppe Nica, subentrato ad Alessandro Beltrami dall’inizio del girone di ritorno, coadiuvato da Andrea Quintini, guidano la formazione marchigiana che ha visto la partenza pochissimi giorni fa dell’ex Club Italia Giulia Melli, in direzione Golem Olbia, ma che ha acquistato l’opposto americano Nikki Taylor, classe 1995 per 196 cm di altezza, e che si trova ancora orfana della centrale Asia Cogliandro infortunatasi seriamente nel girone d’andata. Vediamo il probabile starting six. Al palleggio coach Nica si affida a Francesca Bosio e a chiudere la diagonale l’opposto polacco Berenika Tomsia, coppia centrale formata da Alessia Mazzaro e della slovena Sara Hutinski (41 muri sinora). In banda l’altra slovena Lana Scuka e la statunitense Annie Mitchem che tante belle cose sta mostrando ultimamente. Libero l’esperta Federica Feliziani. A disposizione Beatrice Agrifoglio al palleggio, Nikki Taylor opposto, Chiara Negrini schiacciatrice e Nicole Gamba, secondo libero ma utilizzata anche in ricezione.

LA GIORNATA – Giornata molto interessante, parte con due anticipi, uno al PalaIgor Novara affronta Scandicci in un autentico big match, l’altro al Mandela Forum tra Bisonte Firenze (diretta concorrente della Pomì) e la Foppapedretti Bergamo in diretta Rai Sport. Domenica vede altri scontri di rilievo come quello del PalaVerde tra Conegliano e la UYBA e quello di Pesaro tra MyCicero e la Saugella Monza. Chiude la giornata SAB Legnano – Liu Jo Nordmeccanica Modena.

© Riproduzione riservata
Commenti