Cronaca
Commenta5

Giardini pubblici, il quartiere Centro al Comune: degrado increscioso, provvedete

I giardini pubblici di piazza Roma, pieno centro storico, sono diventati simbolo di degrado. Per questo motivo, e per le continue sollecitazioni dei residenti, il presidente del comitato di quartiere Centro, Paolo Marcenaro, ha consegnato questa mattina una segnalazione scritta in Comune, indirizzata al sindaco e agli assessori Alessia Manfredini e Rosita Viola, con l’obiettivo di sensibilizzare l’amministrazione comunale a cercare soluzioni concrete. “La piazza – esordisce Marcenaro –  dovrebbe rappresentare il fiore all’occhiello di una amministrazione che si pone come obiettivo il rilancio turistico e culturale della città, invece ora rappresenta solo la più importante testimonianza  di un degrado diffuso che accomuna il centro con la periferia”.

In  questi giorni, dopo le piogge, il calcestre praticamente non esiste più e ampi tratti si sono trasformati in un lago di fango pieno di pozzanghere. Nella zona dei giochi spunta un cavo elettrico; la  casetta del custode  ormai è diventata una latrina, come le montagnole. Il degrado – afferma Marcenaro – continua anche negli arredi e nei cippi soprattutto questi ultimi sono sporchi e invasi dalla ruggine, dunque illeggibili, basterebbe anche qui un’operazione di pulitura per asportare ogni residuo: Nella segnalazione viene messo in evidenza che il rilancio di Cremona,  passa inevitabilmente da queste piccole cose, forse minuscole, scrive Marcenaro, rispetto “ai grandi progetti dell’amministrazione, ma questo è quello che si nota di più nel quotidiano”.
Il primo lotto dei lavori dei giardini di piazza Roma era stato inaugurato il 24 giugno 2003; il progetto era stato affidato all’architetto del paesaggio Andreas Kippar. I giardini pubblici più antichi di Cremona, si presentavano all’epoca in condizioni di degrado, in particolare per quanto riguarda il patrimonio arboreo ed arbustivo.

© Riproduzione riservata
Commenti