Cronaca
Commenta

Einaudi, approvato progetto per recupero chiesa ex Dorotee: sarà aula magna

Via al recupero della chiesa sita al piano terra della succursale delle Einaudi, sita presso l’ex istituto Dorotee di via Borghetto, a Cremona: la struttura, ora inutilizzata, verrà infatti destinata ad aula magna, con un investimento pari a 38.500 euro. Ora l’amministrazione provinciale ha approvato il progetto definitivo.

Il complesso scolastico è costituito da due fabbricati principali, uniti da un terzo corpo interno (ex chiesa) che li unisce. Il fabbricato prospiciente la via Manzoni ospita ai piani primo ed interrato le attività di laboratorio di cucina e sala del corso per “Enogastronomia e Ospitalità alberghiera” che ha circa 370 studenti iscritti (in base ai dati dell’anno scolastico 20162017).

“La scuola superiore” fa sapere l’amministrazione “ha evidenziato la necessità di poter avere un sala da adibire ad aula magna, per la mancanza di uno spazio consono all’interno delle disponibilità dell’Istituto stesso, che è sempre costretto ad affittare locali idonei in caso di necessità”.

L’Amministrazione Provinciale intende quindi recuperare il locale ad oggi inutilizzato dell’ex chiesa (piano terra del corpo di collegamento tra i due principali) da convertire in aula magna, con una capienza massima consentita di 100 persone.  L’intervento sarà volto all’adeguamento distributivo e funzionale per uso scolastico oltre che strutturale ed impiantistico, di efficientamento energetico ed acustico e di adeguamento alla normativa di prevenzione incendi.

Numerosi i lavori da mettere in cantiere, come prevede il progetto approvato: la demolizione dei vecchi servizi igienici e di porzione di muratura per l’apertura di una nuova uscita di emergenza, la realizzazione di nuove contropareti in cartongesso per l’eventuale adeguamento alla normativa di efficientamento energetico ed acustico, la realizzazione di elementi di protezione o rinforzo delle strutture esistenti per l’adeguamento alle normative di prevenzione incendi, di resistenza al fuoco delle strutture e di miglioramento sismico. E ancora, dovranno essere sistemati intonaci e tinteggiatura, rifatti i serramenti e tutti gli impianti.

LaBos

© Riproduzione riservata
Commenti