5 Commenti

Unica ditta per manutenzione
al cimitero: contro i piccioni
saranno ingaggiati i falchi

E’ stata assegnata al Consorzio Leonardo Servizi, consorzio stabile con sede a Pistoia l’appalto in global service per la gestione del cimitero. Il periodo va dal 1 marzo 2018 al 31 dicembre 2019, per un importo contrattuale di poco più di 434mila euro. Giunge così al termine la procedura di esternalizzazione in un unico blocco di tutte le attività riguardanti la sepoltura, le operazioni necrofore, il recupero delle salme, lo smaltimento rifiuti, le manutenzioni delle aree verdi e dei vialetti, oltre a pulizia e manutenzione dell’illuminazione votiva. Attività che fino a prima del bando erano svolte da soggetti diversi e che in passato sono state criticate, in particolare per quanto riguarda gli sfalci d’erba. Ora con un unico soggetto responsabile, l’amministrazione intende mettere ordine nel comparto.

La dotazione di personale del consorzio è formato da più di una cinquantina di persone. Il consorzio è presente come gestione cimiteriale dalla città di Gorizia al comune di Bari con servizi attivi in 8 regioni italiane. Oltre a Cremona in Lombardia operano a Sesto san Giovanni, Treviglio, Corsico nei comuni di Sarezzo e Gardone val Trompia in provincia di Brescia e a Varese. L’idea anche qui nel cimitero di Cremona è quella di avvalersi di una piattaforma web con una sezione aperta al pubblico dove verranno messe a disposizione informazioni istituzionali, tabelle dei vari piani di lavoro mensili e attraverso un indirizzo di posta si potranno trasmettere al gestore tutte le segnalazioni. Inoltre l’intenzione è di assumere 3 addetti con un contratto di 18 ore settimanali di cooperative sociali del territorio. Compito del nuovo gestore quello di rendere più decoroso il cimitero attraverso la manutenzione del verde, la pulizia di vetri, soffitti, punti luce, gallerie, loculi, tombe. Inoltre sarà attivato un intervento di bird control al fine di ridurre l’attuale popolazione dei piccioni: in particolare verranno usati i falchi. Per questa specifica attività la ditta specializzata potrebbe essere di Brescia o di Modena. Tra le curiosità anche un kit di abiti che sarà rinnovato annualmente, uno per la primavera estate e uno per l’inverno, con abiti per il lavoro e abiti invece per le cerimonie.
I termini per partecipare all’assegnazione del cimitero erano scaduti il 29 gennaio. Due i raggruppamenti di imprese che avevano presentato domanda. Nei giorni scorsi l’amministrazione ha aperto le buste con la documentazione amministrativa. È toccato poi alla commissione interna esaminare i contenuti delle buste con le offerte tecniche.

Silvia Galli

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Mirko

    Assumere 3-4 dipendenti comunali non sarebbe stato meglio?? Sicuramente sarebbe costato molto meno

  • Andrea Ferrari

    E se invece impiegassero le persone che non riescono a pagare le bollette o le multe e che sono disposte a occuparsi di lavori socialmente utili, sarebbe ancora meglio.

  • paolo

    Beh speriamo almeno che non debbano fare un sopralluogo Pistoia-Cremona ogniqualvolta debbano valutare se è il caso di tagliare l’erba oppure no.,..ciò soprattutto in occasione del primo sfalcio primaverile.. non ovunque le condizioni climatiche fanno crescere l’erba nel medesimo modo: dipende dalla temperatura, dalle piogge ecc. ecc. o istituiranno anche loro un “numero verde” come l’azienda che gestisce la pubblica illuminazione “a distanza”, sperando nel buon cuore dei cremonesi che segnalano le anomalie? PS per l’illuminazione sto toccando con mano che, in mancanza di segnalazione…….

  • Sorcio Verde

    Il problema sono i gufi, non i piccioni.

  • Gianluca

    La Casa dell’Accoglienza potrebbe fornire manodopera